Category: AutoCAD

Tutto il software GIS e Civil in una scatola

Infrastructure Design Suite Premium box
Mi è arrivata pochi giorni fa.
E’ una scatola carina, che contiene una chiavetta USB. Sì, una chiavetta: basta con i lenti DVD. Al suo interno trovi:

  • AutoCAD®
  • AutoCAD® Map 3D
  • Autodesk® Storm and Sanitary Analysis
  • AutoCAD® Civil 3D®
  • Autodesk® 3ds Max® Design
  • Autodesk® Navisworks® Simulate

Sei differenti  software, di cui alcuni di recentissima introduzione: Storm and Sanitary Analysis, per gli amici SSA, per l’analisi dele acque, e Navisworks Manage, per la revisione e la convalida dei progetti. Oltre naturalmente ai pezzi forti della soluzione Autodesk per il mondo GIS e delle infrastrutture: AutoCAD, AutoCAD Map 3D ed AutoCAD Civil 3D. Tutti installabili separatamente, ma sullo stesso PC. 13 Gb di software ad un costo di poco superiore a quello di un AutoCAD Civil 3D.
Mica male direi.

Ma cos’é? Sono diventati pazzi? 🙂
No, è la nuova Infrastructure Design Suite, la soluzione che Autodesk propone per avere a portata di mano tutti gli strumenti per gestire il territorio e le infrastrutture. Fai clic qui per seguire il bel video in italiano di presentazione delle soluzioni Autodesk per il territorio e le infrastrutture.

Del resto, diverse altre Design Suite sono state rilasciate per gli altri mercati dove Autodesk è presente: Building, Factory, Plant… Tutte in tre differenti versioni a seconda delle esigenze: Standard, Premium ed Ultimate.

Per ora il software è disponibile solo in lingua inglese. O perlomeno la versione inglese è quella che trovi sulla chiavetta USB. Ma i più informati mi dicono che se installi le versioni italiane (anche quelle scaricate come versioni di prova, per esempio da qui), puoi autorizzarle ugualmente…
Trovi tutte le informazioni di dettaglio in lingua inglese. Così come la brochure.

Aldilà dell’aspetto commericiale, mi sembra che con queste nuove Design Suite, Autodesk si stia mettendo su di una strada interessante.

  • Ad esempio nel mettere un po’ di ordine nelle decine di software differenti del suo portafoglio prodotti, molti derivanti dalle numerose acquisizioni degli anni scorsi, riorganizzandoli come soluzione complessiva, quindi partendo dalle esigenze dei clienti.
  • E poi nell’offrire ai suoi clienti molte più funzionalità, anche molto avanzate, ad un prezzo accessibile e tendenzialmente in diminuzione. La chiamano “democratizzazione” del software: quello che prima era riservato a pochi, a causa dei costi, ora è accessibile a molti, se non a tutti. Un esempio lampante lo abbiamo appena visto con AutoCAD Map 3D 2012, che ora incorpora sia il precedente Map 3D che Autodesk Topobase: rendendo disponibili le sue funzionalità avanzate per la gestione delle reti tecnologiche sia su Geodatabase che perfino su DWG.
  • Infine, dal punto di vista tecnologico le Design Suite aprono ad una possibile scomposizione/ricomposizione dei prodotti, utilizzandone le funzionalità come mattoni per costruire nuovi edifici, molto innovativi. Come i nuovi software rilasciati dagli Autodesk Labs. Anche in questo caso, ho avuto modo di sperimentare cosa significa, con il nuovissimo Infrastructure Modeler 2012. Dove puoi caricare dati GIS e modelli digitali di elevazione con la stessa tecnologia di Map 3D, per poi creare progetti preliminari di strade e di infrastrutture con strumenti semplificati simili a quelli di Civil 3D, progetti preliminari architettonici con gli strumenti che trovi in Vasari. E se vuoi, puoi caricare progetti completi di infrastrutture creati da Civil 3D in formato LandXML, e progetti architettonici completi creati da Revit Architecture in formato Fbx. Per poi effettuare analisi (3D!), tematismi, generare filmati e molto altro ancora.

Certo, tutto questo non avverrà domani. Ma la direzione sembra tracciata.

A presto!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/10/tutto-il-software-gis-e-civil-in-una-scatola/

Nuova estensione Google Earth per AutoCAD

Splash Google Earth
PS: purtroppo l’estensione è stata ritirata dai Labs il 21 marzo 2012, con questo commento:

Please note that AutoCAD® Google Earth Labs application is no longer available. We are aware of the importance of creating kmz/kml files as well as including preliminary surface and aerial imagery in your design workflows and are actively researching possible solutions. At this time we cannot share information about potential future product enhancements. When appropriate, we will communicate technology plans via various channels including Autodesk LabsFacebookBlogs and our Discussion Groups.

Scott ci informa qui che sul sito Web di Autodesk Labs è disponibile una nuova estensione Google Earth per Autocad 2012. Valida, naturalmente, anche per i suoi applicativi come AutoCAD Map 3D ed AutoCAD Architecture. Ti ricordo che invece AutoCAD Civil 3D l’ha già praticamente incorporata nei suoi comandi standard.

Ho trovato l’estensione molto interessante fin dalla sua prima comparsa nel 2007,  perchè ti permette di pubblicare le mappe, i progetti ed i disegni in formato DWG sulla potente piattaforma geografica di Google Earth. Immagina di vedere il tuo piano urbanistico, o la tua mappa catastale sovrapposta alle immagini satellitari, al reticolo delle strade ed a tutte le altre informazioni che Google Earth ti mette a disposizione gratuitamente.  Puoi leggere un mio articolo qui.

Avrai notato che già in giugno avevo annunciato un primo rilascio dell’estensione per AutoCAD 2012. Questa è stata realizzata con la stessa tecnologia (COM di Microsoft) delle precedenti, disponibilli fin dalla versione 2007 di AutoCAD & c. Ora questa nuova estensione è disponibile solo per la versione 2012 perchè è stata completamente riscritta utilizzando Java. Naturalmente le estensioni per le versioni precedenti restano disponibili.

La nuova estensione 2012 introduce molti miglioramenti: supporta un numero maggiore di applicativi di AutoCAD (Mechanical, MEP, Plant 3D), finalmente importa le immagini a colori , ha una interfaccia che ti permette di utilizzare Google Earth rimanendo all’interno di AutoCAD.

Non resta che provarla!
Vai alla pagina introduttiva dell’estensione per Google Earth e poi premi il bottone Download.
Ti verrà richiesta una registrazione gratuita.
Prima di installare ed utilizzare l’estensione di consiglio di leggere:

I software supportati.
Il Readme 2012
La User Guide 2012

Fammi sapere cosa ne pensi, nei commenti a questo articolo!
Appena mi sarà possibile la proverò anch’io

Buona estensione!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/09/nuova-estensione-google-earth-per-autocad/

Versione di prova Raster Design 2012

Come promesso, eccomi ad avvisarti che è già disponibile la versione di prova di AutoCAD Raster Design 2012, per ora in lingua inglese. Fai clic qui per scaricarla.

Se non lo conosci, leggi qui il mio articolo su AutoCAD Raster Design.

Buon download!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/07/versione-di-prova-raster-design-2012-italiano/

AutoCAD Raster Design 2012 in italiano

Buon ultimo, è arrivato…
Parlo di AutoCAD Raster Design 2012, dalla metà di giugno disponibile nella nostra magnifica lingua italiana.

Se non lo conosci, ti dico subito che nel campo GIS e delle Infrastrutture è indispensabile quando hai bisogno di modificare dati raster: dalle mappe catastali alle carte tecniche regionali, dalle ortofoto alle immagini satellitari, fino ai modelli digitali di elevazione (DEM).

Nel nostro campo, infatti, i dati raster hanno fatto passi da gigante: dal semplice raster binario, adatto a rappresentare disegni e cartografie al tratto, come le mappe catastali e le prime carte tecniche regionali, si è passati ad utilizzare immagini raster in toni di grigi e poi a colori, ad esempio per le foto aeree, che un volta rettificate (ortofoto) vengono utilizzate per costruire la cartografia aerofotogrammetrica, che ci permette di vedere lo stato reale del territorio.

Le tecniche di telerilevamento hanno portato all’uso dei rilievi aerei ed ultimamente perfino di sistemi laser scanner per la costruzione di modelli digitali di elevazione (DEM),  speciali immagini raster per rappresentare il territorio in 3 dimensioni. Infine la tecnologia multispettrale permette di utilizzare immagini satellitari che rappresentano lunghezze d’onda non visibili all’occhio umano come l’infrarosso e l’ultravioletto.

Raster Design ti offre funzionalità molto elevate di trattamento di questi dati. Ad esempio la georeferenziazione delle mappe catastali raster, che ancora oggi in molti casi rappresenta l’unica strada per poter utilizzare una base catastale raster nei progetti cartografici e GIS.

Nato con il nome CAD Overlay, da molti anni ha assunto il suo nome attuale ed è l’unico prodotto Autodesk che io conosco che richiede la presenza di un AutoCAD, o meglio di AutoCAD Map 3D (o Civil 3D) per essere installato. Dico meglio perchè il semplice AutoCAD non riconosce i sistemi di coordinate, non utilizza i modelli digitali di elevazione, non possiede diverse funzionalità GIS e cartografiche che sono fornite, invece da AutoCAD Map 3D e delle quali Raster Design approfitta a piene mani.

Se hai il contratto di manutenzione (Autodesk Subscription) corri subito a scaricarlo! Qui trovi le istruzioni per il download dal Subscription Center. Sono solo 199 Mb, un unico file di installazione su computer a 32 e 64 bit. Se invece stai valutando il suo acquisto, tieni presente che AutoCAD Raster Design ti permette di:

1. Gestire le immagini ottenute attraverso uno scanner: ovvero disegni, cartografie, immagini che hanno fatto il primo passo per divenire dati digitali. Per divenire utilizzabili, questi dati possono richiedere delle pulizie, ad esempio per togliere la polvere e le imperfezioni rimaste dopo la scansione, e la correzione delle deformazioni introdotte dallo scanner.

2. Trattare i colori delle immagini. Ad esempio trasformarla da colore a toni di grigio a bitonale, opure estrarre tutti i pixel di un certo colore, aggiungere la trasparenza ad un colore e così via.

3. Manipolare le entità raster, per utilizzare i comandi di AutoCAD su regioni raster e primitive, e cancellare facilmente linee, archi e cerchi raster.

4. Ritagliare e mosaicare le immagini raster. Ti può capitare di avere una enorme ortofoto e di volerne utilizzare solo la parte che ti interessa. Ecco che Raster Design ti offre la possibilità di ritagliarla e di salvarla con un altro nome. All’opposto, se sei stanco di usare 10 fogli di Carta Tecnica come sfondo raster, puoi unirli in un unico file.

5. Vettorializzare le parti dell’immagine che ti occorrono. Le immagini raster, infatti, rappresentano gli oggetti come pixel, sui quali i comandi di AutoCAD non possono agire: grazie ai comandi di Raster Design puoi creare in modo semi-automatico linee, archi, testi modificabili con AutoCAD. Inoltre hai a disposizione gli snap sugli oggetti raster, e strumenti di vettorializzazione assistita, non solo per le linee e le figure geometriche semplici, ma perfino per le curve di livello e per il riconoscimento automatico dei testi, utilizzando tecnologia OCR (Optical Charcater Recognition).

6. Georeferenziare immagini raster. Per poter sovapporre correttamente l’immagine raster agli altri strati di cartografia vettoriale è necessario portarla in scala reale e soprattutto nella corretta posizione nel sistema di coordinate correntemente utilizzato. Questo è il significato della parolaccia Georeferenziazione.
Se vuoi approfondire leggi il mio articolo qui.

7. Gestire i modelli digitali di elevazione (DEM) e le immagini satellitari multispettrali. Cose spaziali, nel vero senso del termine, che pochi si aspetterebbero di poter fare con un applicativo di AutoCAD…

Modello digitale di elevazione (DEM), rivestito con immagine satellitare e strade da Shapefile

Bene, sul sito Autodesk è già disponibile la versione di prova in lingua inglese, che puoi scaricare da qui, oppure dal riquadro Versioni di prova nella colonna di destra di questo Blog, dove trovi anche i link per scaricare le versioni 2012 di prova in italiano di AutoCAD Map 3D, AutoCAD Civil 3D ed Autodesk Infrastructure Map Server (ex MapGuide Enterprise).

Buon Raster!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/07/autocad-raster-design-2012-in-italiano/

Estensione Google Earth per AutoCAD 2012

Splash Google Earth

Conviene tenere sempre d’occhio il Blog di Scott Sheppard.
Giusto pochi giorni fa, infatti, ha annunciato il rilascio da parte degli Autodesk Labs della Estensione Google Earth per AutoCAD 2012 (32 bit) e naturalmente per i suoi applicativi come AutoCAD Map 3D oppure AutoCAD Architecture. AutoCAD Civil 3D 2012, invece, l’ha già in parte incorporata nei suoi comandi standard.

Questa estensione è molto interessante perchè ti permette di pubblicare le mappe, i progetti ed i disegni in formato DWG sulla potente piattaforma geografica di Google Earth. Immagina di vedere il tuo piano urbanistico, o la tua mappa catastale sovrapposta alle immagini satellitari, al reticolo delle strade ed a tutte le altre informazioni che Google Earth ti mette a disposizione gratuitamente

Già in passato, fin dal suo primo rilascio nel 2007 ho utilizzato questa estensione con grande soddisfazione, e te ne ho scritto qui. Puoi leggere qui l’articolo di Scott sull’estensione, e se vuoi scaricarla:

Vai alla pagina introduttiva dell’estensione per Google Earth e poi premi il bottone Download. Ti verrà richiesta una registrazione gratuita. Prima di installare ed utilizzare l’estensione di consiglio di leggere:
I software supportati.
Il Readme 2012
La User Guide 2012

Naturalmente, appena troverò il tempo per provarla con AutoCAD Map 3D 2012 ti scriverò di nuovo

Buona estensione!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/06/estensione-google-earth-autocad-2012/

Manuali italiani di AutoCAD 2012

Copertina Guida AutoCAD 2012 Santapaga

Eccomi al consueto appuntamento di presentazione dei manuali già pubblicati sull’ultima versione di AutoCAD, la 2012, che è stata rilasciata in aprile.
Questa volta un po’ prima del solito, perchè due manuali sono già disponibili, mentre il terzo autore che di solito pubblica manuali di AutoCAD, quest’ anno è stato molto impegnato con il nostro AutoCAD Map 3D.

A proposito, ti faccio notare che questi manuali possono essere molto utili anche per  sfruttare la parte CAD di AutoCAD Map 3D e di AutoCAD Civil 3D, visto che entrambi contengono AutoCAD.

Eccoti allora, in ordine alfabetico per autore, i due manuali italiani di AutoCAD 2012 di cui finora ho trovato notizia:

Copertina Grande Guida AutoCAD 2012 Pruneri

Edoardo Pruneri
Autodesk AutoCAD 2012 e AutoCAD 2012 LT La grande guida è l’ultima opera di Edoardo Pruneri per Mondadori. La sua esperienza nel mondo Autodesk comincia dal mondo della meccanica, ed infatti tra le sue opere vi sono anche manuali di Inventor Professional. Questo non gli ha impedito di scriverne anche per  Revit Architecture, 3ds Max Design e per diverse versioni precedenti di AutoCAD.

Edoardo descrive il suo ultimo manuale in questo modo:

Chiunque voglia imparare AutoCAD 2012 senza fatica troverà in questa guida una risorsa indispensabile. Sono trattati tutti gli aspetti dell’applicazione CAD in ambito bidimensionale, dai più semplici ai più complessi. La grande guida AutoCAD 2012 si presenta al lettore con un linguaggio semplice e moderno, garantendo al contempo una trattazione rigorosa e completa degli argomenti, con esempi – dettagliati e reali – di aziende manifatturiere, studi di architettura e design italiani. L’autore presenta i metodi e le tecniche, i suggerimenti e le scorciatoie, proponendo numerose esercitazioni guidate. Inoltre i riquadri di approfondimento soddisfano le curiosità degli utilizzatori più esperti. Inoltre per la prima volta in Italia viene trattata la versione di AutoCAD per Mac con ampie note dedicate agli appassionati di Mac!

Copertina Guida AutoCAD 2012 Santapaga
AutoCAD 2012 Guida completa è stata scritta da due autori, Luigi Santapaga e Matteo Trasi, per Apogeo. Anche Luigi e Matteo hanno una lunga esperienza nel mondo Autodesk, ed in particolare nella formazione: li puoi trovare a Milano, presso l’Autodesk Training Center (ATC – centro di formazione autorizzato Autodesk) Forma Mentis.

Luigi e Matteo descrivono il loro nuovo manuale in questo modo:

Questo manuale è costruito per guidare gli utenti di AutoCAD 2012 nel loro percorso di apprendimento. Grazie ai numerosi esercizi ed esempi, il testo fornisce al lettore le spiegazioni e le informazioni più utili e importanti per utilizzare al meglio il software e ottimizzare il lavoro. Basterà lasciarsi guidare dagli autori, formatori professionali, per capire come sfruttare al meglio le caratteristiche del programma nelle situazioni concrete, partendo dalla sua installazione, passando attraverso il disegno di precisione, la documentazione con quote, testi e tabelle, e la stampa, fino all’esame delle funzionalità più avanzate, come i blocchi dinamici, le immagini raster, la stampa elettronica e la modellazione grafica 3D.

Bene, spero che questi manuali ti possano essere di grande utiità nell’apprendere le funzionalità CAD.

Se sei interessato ai manuali per la versioni precedenti di AutoCAD, trovi divrsi articoli nel mio vecchio Blog:
Manuali italiani di AutoCAD 2011
Manuali italiani di AutoCAD 2010
Manuali italiani di AutoCAD 2008 e 2009

In questo mio nuovo Blog puoi vedere tutti gli articoli che ho pubblicato sui manuali facendo clic sull’etichetta Manuali, nella colonna di destra.

Se infine conosci altri manuali italiani di AutoCAD 2012, non esitare a segnalarmeli nei commenti!

Alla prossima
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/06/manuali-italiani-autocad-2012/

Supporto VBA in AutoCAD 2012

Mi è capitato ancora, nei giorni scorsi, di assistere utilizzatori di AutoCAD e di AutoCAD Map 3D che provano ad utilizzare applicazioni realizzate con Visual Basic.
Il problema è che non funzionano. Ma c’è una soluzione semplice e gratuita. Basta scaricare il modulo di Visual Basic (VBA) dalla pagina del sito Autodesk all’indirizzo www.autodesk.com/vba-download e poi installarlo.

Naturalmente Autodesk non ha scelto questa soluzione per caso. Visual Basic for Application è stato dismesso da Microsoft fin dal luglio del 2007. Quindi Autodesk ha deciso di supportare ancora per qualche anno questo linguaggio di programmazione, ma invita tutti gli sviluppatori a migrare le applicazioni alle nuove tecnologia .NET. Per chi invece vuole personalizzare AutoCAD senza lanciarsi in linguaggi evoluti, è disponibile gratuitamente Microsoft VB Express, e più in generale Visual Studio Express.

Per maggiori informazioni leggi la pagina Question&Answers qui.

La buona notizia è che il supporto di VBA è già disponibile anche per la versione 2012 di AutoCAD e dei software basati su AutoCAD, come AutoCAD Map 3D ed AutoCAD Civil 3D.

Buona installazione!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/06/supporto-vba-in-autocad-2012/

Autodesk è Citrix ready

Citrix Ready

Con la nuova linea 2012 dei suoi software, Autodesk ha aumentato notevolmente il numero dei suoi software supportati in ambiente Citrix XenApp™.
Qui trovi l’annuncio ufficiale in lingua inglese.

Con la versione 2011, infatti, solo il nostro amato AutoCAD Map 3D poteva essere installato in ambiente Citrix. Siamo stati i primi 😉
Ora invece, con la versione 2012, puoi utilizzare molti dei principali software Autodesk: oltre ad AutoCAD Map 3D, AutoCAD, AutoCAD Architecture, AutoCAD MEP, Revit Architecture, Revit Structure, Revit MEP ed AutoCAD Map 3D Enterprise, il nuovo fratello maggiore (ex Topobase) di AutoCAD Map 3D.

Trovi tutte le informazioni nella pagina che Autodesk ha dedicato a queste informazioni, all’indirizzo www.autodesk.com/citrix

Se non sai di cosa stiamo parlando 🙂 non ti preoccupare: Citrix viene utilizzato di solito in grandi aziende, per facilitare la gestione informatica. Permette la virtualizzazione delle applicazioni, in modo che queste risiedano su di un server, e possano essere manutenute ed aggiornate in modo  centralizzato. Tradotto in soldoni, i prodotti Autodesk in questo ambiente non richiedono una installazione per ogni PC: l’installazione avviene solo sul server, che poi le mette a disposizione di tutti. Naturalmente la licenza è simile a quella di rete (NLM), ed ha un costo leggermente superiore a quello della licenza singola.

Alla prossima!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/05/autodesk-e-citrix-ready/

Load more