Archivio Categoria: Modeler

Nov 13 2017

Usare i dati OpenStreetMap in un’applicazione BIM

Pochi giorni fa, un artista del rendering mi ha posto una domanda molto interessante, che riguarda il tema: I dati GIS possono essere utili alla progettazione BIM?

La risposta è assolutamente sì!
Ma occorre trovare le soluzioni giuste. La domanda esatta era la seguente:

Sto diventando matto nell’importare in 3ds Max dei dati OSM (OpenStreetMap) ma senza successo. Esiste un plugin ma non funziona, nelle versioni recenti del software. Tu ne sai qualcosa?

La domanda riguarda un software particolare, 3ds Max, ma la risposta che sto per darti riguarda tutti i software BIM Autodesk… Leggi il resto »

Ott 23 2017

Progettazione preliminare BIM in ambito ferroviario: flussi di lavoro

Oggi voglio parlarti di progettazione preliminare in ambito ferroviario.

Approfittando di una Webcast tenuta da Eric Chappell e Peter Ingels di Autodesk questo agosto, (disponibile online: la trovi in fondo a questo articolo), dove sono stati presentati due flussi di lavoro molto interessanti per la progettazione preliminare BIM di ferrovie.

Entrambi sono realizzati con Autodesk InfraWorks, che mette a disposizione strumenti davvero innovativi per la progettazione di infrastrutture, a partire dalla ricostruzione del contesto tridimensionale e realistico a partire da dati topografici e GIS, ma anche grazie ad un miracoloso servizio Cloud in gradi di rendere disponibile il modello territoriale 3D, competo di ortofoto, per una qualsiasi parte del mondo.

Vediamo ora i flussi di lavoro nel dettaglio…

Leggi il resto »

Ott 04 2017

Dal laser scanner alla tecnologia IoT, come si cattura la realtà

E’ con grande piacere che ti annuncio il mio secondo articolo sul Blog di Digital&BIM Italia.

Idealmente, prosegue quanto scrivevo qui a proposito del BIM per le Infrastrutture, trattando dell’importanza degli strumenti per catturare la realtà, dal laser scanner ai droni.

Lo puoi leggere qui

Alla prossima!
Giovanni Perego

Ott 02 2017

Catturare la realtà: il caso di una diga

Glen Canyon Dam, Lake Powell, Page, Arizona

Come ti ho spiegato qui, la soluzione Autodesk per catturare la realtà cresce velocemente.

L’ultima novità sta nell’incorporazione di quello che era Autodesk Remake in Autodesk Recap Pro. Per capire meglio cosa significa, eccoti un ottimo esempio: il modello della diga del Glen Canyon, ricostruito a partire dal volo di un UAV/SAPR, volgarmente detto drone.

Un modello 3D di questo tipo rappresenta la base indispensabile per qualsiasi progettazione BIM: la buona notizia è che ora i tempi ed i costi sono molto inferiori.

Per approfondire guarda il video qui sotto, oppure  leggi:

Buon rilievo!
Giovanni Perego

Set 20 2017

Autodesk semplifica la soluzione per catturare la realtà e ricostruire il contesto 3D

Ti ricordi Autodesk Remake, il fantastico software per ricostruire la realtà a partire dalle foto digitali?

Te lo avevo descritto qui, ed in seguito ho avuto modo di sperimentarlo ed insegnarlo ai giovani Jedi in un laboratorio per la tutela del patrimonio storico ed artistico.

Bene, qualche giorno fa Autodesk ha annunciato che Autodesk Remake viene sostituito da Autodesk Recap Photo, un componente di Autodesk Recap Pro. Che quindi diviene ancora più utile ed efficace per catturare il contesto 3D per la progettazione BIM. Ed è compreso nella Autodesk AEC Collection.

Vediamo cosa significa questa novità nei dettagli… Leggi il resto »

Lug 24 2017

Autodesk InfraWorks cresce ancora: nuovi strumenti BIM per le infrastrutture

Autodesk ha reso disponibile InfraWorks 2018.1: come per gli anni scorsi, prosegue la crescita impetuosa di questo software innovativo, che viene rilasciato più volte all’anno con importanti novità…

Se hai un Abbonamento (Autodesk Subscription) attivo, puoi già scaricare la nuova versione da Autodesk Account, scegliendo Gestione > Autodesk InfraWorks > Aggiornamenti e moduli aggiuntivi, oppure grazie alla Autodesk App, che te lo segnala direttamente sul tuo PC.

Se non hai un abbonamento, lo puoi scaricare qui in versione di prova, pienamente funzionante per 30 giorni.

Eccoti subito le numerose novità in dettaglio… Leggi il resto »

Giu 26 2017

Per un salto di qualità nella progettazione dei ponti

La progettazione dei ponti rappresenta una sfida molto impegnativa, perchè unisce le esigenze stradali, o ferroviarie, con quelle strutturali e, perchè no, quelle estetiche. Ed è sempre di attualità: da una parte perchè l‘ingegneria italiana si è sempre fatta valere, anche all’estero, dall’altra perchè i recenti crolli in Italia rendono necessario un netto salto di qualità nella progettazione e nell’esecuzione.

Bene, questo salto di qualità non può che passare attraverso l’adozione degli strumenti BIM, che contribuiscono a rendere molto più efficace la progettazione, a ridurre fortemente gli errori ed i tempi di progettazione e costruzione, consentendo una maggiore trasparenza di tutte le informazioni, fin dalle prime fasi.

Cominciano ad essere disponibili le prime esperienza BIM nella progettazione di ponti in Italia: ad esempio il viadotto autostradale nei dintorni Ivrea, piuttosto che lo spettacolare ponte di Expo a Milano. Sì, perchè oggi è possibile ottenere risultati che nemmeno si potevano immaginare, finora…

Leggi il resto »

Mag 26 2017

Luxury BIM a Torino: ho visto cose che voi umani…

Ieri ho partecipato ad un grande evento BIM, organizzato a Torino dagli amici di Systema:
Luxury BIM, perchè il BIM va fatto bene… E perchè eravamo ospitati dal cinema Lux in pieno centro città.

Davanti ad un numeroso pubblico, sul grande schermo sono stati presentati progetti BIM e soluzioni davvero all’avanguardia, dedicati al BIM per le infrastrutture (finalmente) ed al BIM architettonico. Vale proprio la pena riferire sui contenuti… Leggi il resto »

Apr 26 2017

Novità per gli strumenti BIM per le Infrastrutture: Autodesk InfraWorks 2018

infraworks-badge-256px

Da qualche giorno diversi strumenti BIM per le infrastrutture sono migliorati, grazie al rilascio delle versioni Autodesk 2018. Oggi ti scrivo di Autodesk InfraWorks: Sì, InfraWorks e basta, ed InfraWorks LT naturalmente, non più InfraWorks 360 ed InfraWorks 360 LT, ora è più semplice: cambia il nome ma le funzionalità non diminuiscono, anzi, continuano a crescere…

Autodesk InfraWorks è la soluzione che permette di costruire facilmente il modello BIM concettuale all’interno del contesto territoriale realistico e tridimensionale. Rappresenta il primo componente del Dynamic Duo per la progettazione BIM di infrastrutture, il secondo naturalmente è AutoCAD Civil 3D, di cui ti scriverò tra poco le novità della versione 2018.

Grazie ad InfraWorks puoi costruire il modello 3D del contesto territoriale usando dati CAD, GIS e BIM, nei formati più diffusi, compresi i dati geografici Open. Ma se i dati non sono disponibili, puoi scaricarli da Internet, grazie ad un potente servizio Cloud, chiamato Model Builder, che rende disponibile il modello 3D territoriale, comprese le ortofoto, pronto ad essere utilizzato.

Su questa base puoi progettare facilmente strade, ponti, impianti di drenaggio, inserire progetti architettonici e molto altro ancora, valutare le alternative di progetto, individuare gli ostacoli, presentare l’idea progettuale ai non addetti ai lavori, grazie ad immagini, video e visualizzazioni 3D sul Web.

Tutte le informazioni possono essere trasferite ad AutoCAD Civil 3D, o ad altri software Autodesk, come ad esempio i ponti in Autodesk Revit, per la preparazione degli elaborati necessari al progetto definitivo ed esecutivo.

Autodesk InfraWorks 2018 ed Autodesk InfraWorks LT sono già disponibili, in tutte le lingue, compreso l’italiano: vediamo subito quali sono le novità… Leggi il resto »

Mar 20 2017

Georeferenziare i progetti BIM

SharedReferencePoint-BIM

Uno degli ostacoli principali nella collaborazione BIM consiste nella corretta georeferenziazione dei progetti. Soprattutto nel caso di collaborazione tra BIM verticale (architettura).e BIM orizzontale (infrastrutture).

Ma prima di tutto, a cosa serve georeferenziare i progetti? Serve ad utilizzare nel tuo progetto BIM sia i dati topografici, come i rilievi, sia i dati cartografici e GIS, come ortofoto, carte tecniche o meglio Database Topografici e così via, per inserire il progetto nel contesto territoriale 3D. E scusa se è poco.

Allo stesso modo, se vuoi che la parte BIM verticale dialoghi con quella orizzontale, ad esempio se vuoi inserire il progetto del casello in quello dell’autostrada, o della stazione in quello ferroviario: non puoi certo farlo manualmente, rischiando errori clamorosi. Hai bisogno di condividere la georeferenziazione.

Bene, ma in pratica come posso fare? Guarda il video seguente, dove John Sayre di Autodesk ti mostra la tecnologia Shared Reference Point, che permette di condividere la georeferenziazione dei progetti tra AutoCAD Civil 3D, Revit, InfraWorks 360 e Navisworks. Leggi il resto »

Post precedenti «