BIM per le infrastrutture

Lo so, finora avevi sentito parlare di BIM solo in campo architettonico.

Ma il BIM (Building Information Modeling) è una metodologia, quindi applicabile a qualsiasi opera dell’uomo.
Il filmato qui sotto te lo illustra. Maggiori informazioni all’indirizzo: www.autodesk.it/bim


Buona visione
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/12/bim-per-le-infrastrutture/

Analisi dei corsi d’acqua con Map 3D e Civil 3D

PS dell’1-2-2013: questa estensione è stata prorogata al 30-6-2013. Maggiori dettagli qui.

__________

A proposito di inondazioni.
Te l’avevo già annunciata in maggio, ma ora è di stretta attualità: gli Autodesk Labs hanno reso disponibile una anteprima di tecnologia molto interessante, chiamata River Analysis Extension, utilizzabile con AutoCAD Map 3D ed AutoCAD Civil 3D.

Si tratta di un pacchetto per la modellizzazione dei corsi d’acqua, che supporta il famoso HEC-RAS, il software sviluppato dall’Hydrologic Engineering Center (HEC) chiamato River Analisys System (RAS) e liberamente scaricabile qui. Naturalmente approfittando del potenti strumenti messi a disposizione da Map 3D e Civil 3D nell’utilizzare i dati cartografici, topografici e GIS.

In particolare la River Analysis Extension permette di:

  • Automatizzare le funzioni di HEC-RAS come il calcolo di sezioni trasversali dei corsi d’acqua, l’analisi del profilo della superficie dell’acqua, la previsione delle aree allagate in caso di lluvione ed altri operazioni di modellizzazione.
  • Utilizzare gli strumenti di calcolo di sezioni e profili dai modelli digitali di elevazione, sia di tipo TIN (usati da Civil 3D) sia DEM (usati da Map 3D), sia LiDAR (usati da entrambi).
  • Eseguire analisi sofisticate per la progettazione di, ponti e canali sotterranei.
  • Automatizzare l’introduzione in mappa delle stazioni di monitoraggio, della lunghezza dei corsi d’acqua e dei flussi, della presenza di argini, della rugosità delle aree, a partire dai dati rilevati
  • Generare automaticamente mappe di inondazione per la delimitazione delle aree di rischio

La River Analysis Extension è disponibile per il download gratuito a questo indirizzo, basta registrarsi presso il sito di Autodesk Labs. La sua durata è limitata al 31 dicembre 2011. PS: alla fine del 2011 la data di scadenza è stata prorogata al 31-12-2012! Abbiamo ancora un anno a disposizione!

Se vuoi saperne di più iscriviti subito ai seminari Autodesk online:

Mercoledì 14 dicembre 2011, alle ore 11.00:
Mai più inondazioni (Parte 1):
Progettazione e verifica delle condotte di scarico delle acque meteoriche

Mercoledì 11 gennaio 2012 alle ore 11.00:
Mai più inondazioni (Parte 2):
Analisi di vulnerabilità e mitigazione del rischio attraverso il ripristino dei corsi d’acqua

Per maggiori informazioni sui seminari online puoi leggere questo mio articolo.

A presto!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/12/analisi-dei-corsi-dacqua-con-map-3d-e-civil-3d/

Mai più inondazioni

Lo so, il titolo è forte. Abbiamo voluto attirare l’attenzione sulle nuove funzionalità utili alla prevenzione delle inondazioni che Autodesk ha introdotto nei suoi software. Visto quello che succede in Italia, appena piove più del normale, ci sembra un contributo doveroso.

Bene, per saperne di più puoi già iscriverti ai due seminari online, organizzati da Autodesk, facendo clic sui due link seguenti. La registrazione è gratuita ed è rivolta al pubblico professionale. Per partecipare basterà connettersi ad internet, seguire il link di collegamento che verrà inviato per email, ed accendere le casse del computer.

Mercoledì 14 dicembre 2011, alle ore 11.00:
Mai più inondazioni (Parte 1):
Progettazione e verifica delle condotte di scarico delle acque meteoriche
Verrà presentata la soluzione Autodesk che permette di integrare la progettazione delle condotte di scarico delle acque meteoriche, con  la  verifica del loro corretto dimensionamento, sulla base delle precipitazioni previste.
Grazie a questi nuovi strumenti, il progettista ora può modellare la rete delle condotte di scarico in tre dimensioni, tenendo conto del terreno esistente e delle superfici di raccolta delle acque. La rete può essere sottoposta alle verifiche del suo corretto dimensionamento, applicando simulazioni delle precipitazioni meteoriche. Il modello della rete delle condotte può quindi essere immediatamente modificato per garantirne la piena affidabilità anche nel caso di precipitazioni eccezionali.

Mercoledì 11 gennaio 2012 alle ore 11.00:
Mai più inondazioni (Parte 2):
Analisi di vulnerabilità e mitigazione del rischio attraverso il ripristino dei corsi d’acqua

In questo secondo seminario verrà presentata la soluzione Autodesk che permette di effettuare sia l’analisi di vulnerabilità, sia la progettazione del ripristino dei corsi d’acqua per garantire il più veloce deflusso delle ondate di piena. Grazie a questi strumenti, gli enti di regolazione ed i pianificatori ora sono in grado di predisporre le fasce di rispetto per il vincolo di inedificabilità e per i piani di emergenza nel caso di inondazione. Ma non basta: per mitigare il rischio è possibile progettare il ripristino dei corsi d’acqua, per garantirne l’equilibrio dinamico e recuperarne tutte le potenzialità di deflusso.

Ti aspettiamo!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/12/mai-piu-inondazioni/

Città digitali: andiamo in Sardegna

Ho appena creato l’immagine che vedi qui sopra con il nuovo Autodesk Infrastructure Modeler. AIM per gli amici. Non è stato difficile, grazie agli splendidi dati GIS della Sardegna, messi a disposizione da Gabriele nel CD-Rom allegato al suo ottimo manuale di AutoCAD Map 3D.

Fa venire voglia di andarci, vero? Ho usato il modello digitale di elevazione (DEM), l’ortofoto, alcuni Shapefile con gli assi delle strade ed i poligoni degli edifici. Come puoi vedere basta poco per ricostruire il modello digitale in 3D. Mi dicono, tra l’altro, che la Regione Sardegna è forse la più aperta, con la Puglia, nella distribuzione dei dati geografici liberi. Bene, avanti così!

E con questa fanno due… Leggi qui l’articolo sulla mia prima città digitale.

Alla prossima!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/11/citta-digitali-andiamo-in-sardegna/

Seminario online per l’Amministrazione Pubblica

Sono felice di annunciarti che Autodesk ha organizzato un interessante seminario online, per mostrarti una panoramica completa delle soluzioni per le amministrazioni pubbliche territoriali e le aziende di servizi.

Comuni, comunità montane, province, regioni, consorzi, parchi, aziende di gestione di reti tecnologiche (acquedotti, fognature, reti elettriche e del gas), e molti altri enti ancora con competenze territoriali, possono trarre grandi benefici dall’uso del software adatto alle loro esigenze, soprattutto in questi momenti difficili, per rendere più efficace il loro lavoro in numerose attività:

  • Urbanistica e pianificazione del territorio
  • Gestione del suolo e del ciclo delle acque
  • Progettazione e gestione delle infrastrutture e delle reti tecnologiche
  • Comunicazione ai professionisti ed ai cittadini delle informazioni territoriali via Web

Il seminario presenterà una panoramica delle soluzioni disponibili in casa Autodesk, utilizzabili senza rinunciare al consolidato mondo CAD, anzi, valorizzando quanto realizzato finora.

Il seminario si terrà online, lunedì 28 novembre dalle ore 11.00
E’ gratuito e durerà circa un’ora
Puoi iscriverti subito facendo clic qui

Ti aspetto!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/11/seminario-online-per-lamministrazione-pubblica/

Service Pack 1 per AutoCAD Civil 3D 2012

Eccomi a completare la panoramica sui principali Service Pack per la linea Autodesk 2012 per il territorio e le infrastrutture. Poco fa ti ho segnalato il Service Pack 1 per AutoCAD e per Map 3D 2012, con alcuni suggerimenti su alcune risorse per il supporto tecnico. Ora si è aggiunto:

Ti ricordo che i Service Pack sono gratuiti e disponibili sia per le versioni a 32 bit che per quelle a 64 bit. Possono essere installati su tutte le lingue ed i sistemi operativi supportati. Prima di installare, ti consiglio fortemente di leggere il Readme con le istruzioni, che per ora è disponibile solo in inglese.

PS: Eccoti al volo un piccolo problema risolto dall’SP1.
Se in AutoCAD Civil 3D 2012 scegli l’area di lavoro Pianificazione ed Analisi (quella di AutoCAD Map 3D, per intenderci), poi carichi un layer GIS con la connessione FDO (bottone Connetti oppure Dati – Connetti a dati)  e lo selezioni nel Riquadro attività, potrai notare nella Barra Multifunzione alcuni punti interrogativi. Bene, questo problema si risolve installando l’SP1. Grazie mille ad Enzo di Digitecno per l’ottima informazione!

Buon download!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/11/service-pack-1-per-autocad-civil-3d-2012/

Progetto Parsec per AutoCAD Map 3D

PS dell’11-1-2013: Questa estensione è scaduta il 31-12-2012.
Le sue funzionalità sono ora tutte incorporate in AutoCAD Map 3D 2013, quindi per utilizzarle ti basta aggiornare il tuo Map 3D all’ultima versione. Grazie a chi ha provato l’estensione ed ha dato il suo parere nel gruppo di discussione, e grazie ai Labs per il contributo!

__________

 Notizia di poco fa: gli Autodesk Labs hanno pubblicato un nuovo progetto dedicato al nostro AutoCAD Map 3D. Grazie Maurizio per la segnalazione!

Il progetto si chiama Parsec (poetico direi, come l’unità di misura della distanza tra le stelle) e promette di rendere disponibili funzionalità per importare geometrie ed attributi nei nuovi modelli dati di settore per le reti tecnologiche (acquedotti, fognature, reti elettriche e del gas), introdotti con la versione 2012.
L’estensione resa disponibile dal progetto Parsec permette:

  • L’importazione di geometrie ed attributi da files GIS in formato SDF, SQLite, Esri SHP e da Geodatabase come Microsoft SQL Server ed Oracle
  • La creazione di progetti preliminari di reti basati sui modelli predefiniti di settore di Map 3D
  • L’esecuzione di analisi (ad es. analisi topologiche sulle reti) per preparare gli interventi in caso di interruzioni del servizio
  • L’esecuzione di analisi (ad es. mappe tematiche) per la programmazione degli interventi di manutenzione e sostituzione
  • La creazione di rapporti sulle caratteristiche delle reti per le verifiche e la comunicazione ai committenti ed agli enti regolatori

L’estensione può essere installata su AutoCAD Map 3D 2012 (non su AutoCAD Map 3D Enterprise) ed è disponibile anche in lingua italiana. Ricordati, prima, di installare il Service Pack 1. Attenzione: tutto funzionerà fino al 31 dicembre 2011.
PS: alla fine del 2011 la data di scadenza è stata prorogata al 31-12-2012! Ora abbiamo più di un anno di tempo a disposizione.

Leggi tutti i dettagli nella pagina ufficiale del progetto Parsce per AutoCAD Map 3D.
Altre informazioni, in inglese, nel Blog di Scott Sheppard dedicato ai Labs: space travel is alive in the Labs!

Alla prossima
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/11/progetto-parsec-per-autocad-map-3d/

Dati geografici censimenti Istat in Shapefile

Mappa tematica popolazione comunale realizzata con AutoCAD Map 3D utilizzando dati Istat

Un’ottima notizia sul fronte dei dati geografici per le applicazioni GIS.
Grazie a Giovanni Biallo, ed all’associazione OpenGeoData Italia.

Istat, l’Istituto Nazionale di Statistica, ha reso disponibili i dati geografici degli ultimi censimenti.
Ecco come li annuncia:

L’Istat, per la prima volta nella storia dei censimenti, diffonde gratuitamente i dati geografici (in formato shape file) delle basi territoriali (articolazione del territorio comunale in sezioni di censimento). I dati geografici si riferiscono agli anni 1991, 2001 e alla versione provvisoria del 2011 . Sono inoltre pubblicate, per i soli censimenti del 1991 e del 2001, anche le principali variabili statistiche per sezione di censimento rilevate in occasione dei censimenti generali della popolazione e abitazioni e dell’industria e servizi.

Un bel passo avanti, rispetto a quanto ti scrivevo qui solo in giugno.

Puoi scaricare i dati geografici in formato Shp da questa pagina del sito Istat. (link aggiornato il 31-10-2014)

I metadati sono disponibili qui in formato Pdf. Leggo che sono stati rilasciati l’8 novembre, mentre una nota in fondo alla pagina Web informa che sono stati ripubblicati il 10 novembre, quindi sono veramente recenti!

Tutti i dati geografici sono inquadrati nel sistema di coordinate ED 1950 UTM Zona 32. Quindi per usarli con AutoCAD Map 3D puoi assegnare il codice ED50-UTM32: usa il comando _MAPCSASSIGN oppure nella Barra multifunzione scegli la scheda Impostazione carta e poi premi il bottone Assegna. Se vuoi imparare ad utilizzare questi dati per creare mappe tematiche da questi dati puoi leggere il mio articolo qui. Se invece usi AutoCAD Civil 3D leggi prima alcuni piccoli trucchi qui.

Buon download!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/11/dati-geografici-censimenti-istat-in-shapefile/

Service Pack 1 per AutoCAD 2012 e Map 3D 2012

Ogni tanto è necessario dedicare qualche minuto alla manutenzione del software.
Nel nostro caso, hai a disposizione il portale per il supporto Autodesk all’indirizzo www.autodesk.com/support, dove trovi una vasta Knowledge Base con le soluzioni ai problemi noti, e la possibilità di scaricare gli aggiornamenti, chiamati anche Service Pack o Update, dei tuoi software. Ti basta selezionare il prodotto e poi, dalla colonna di sinistra, scegliere Data & Downloads.

Bene, ti segnalo allora che da qualche giorno sono disponibili due aggiornamenti importanti:

I Service Pack sono gratuiti e disponibili sia per le versioni a 32 bit che per quelle a 64 bit. Possono essere installati su tutte le lingue ed i sistemi operativi supportati. Prima di installare, ti consiglio fortemente di leggere il Readme con le istruzioni, che è disponibile anche in italiano.

Buon download!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/11/service-pack-1-per-autocad-2012-e-map-3d-2012/

Usare il nuovo DEM Aster 2.0 con AutoCAD Map 3D

Il modello Aster 2.0 del Nord del Piemonte in AutoCAD Map 3D

Dopo l’annuncio del nuovo modello digitale di elevazione Aster 2.0, che copre tutto il mondo ad esclusione dei poli, eccomi a spiegarti come scaricarlo e poi utilizzarlo con AutoCAD Map 3D.

E, naturalmente, con AutoCAD Civil 3D, che contiene le funzionalità di Map 3D: leggi qui per maggiori dettagli.

1. Download

I dati sono disponibili in diversi siti Web, ad esempio qui, ma quello più comodo penso sia Global Data Explorer, che offre un ambiente GIS intuitivo. Certo, occorre un po’ di pazienza: fai clic sul pulsante aggiorna del tuo browser, oppure su F5, finchè non riesci a visualizzarlo. Poi segui le istruzioni che trovi nella finestra Welcome: eccoti i miei suggerimenti:

Global Data Explorer

  • Prima di tutto registrati, facendo cli sul bottone Get an account.
  • Oppure, se già ti sei registrato fai clic sul bottone Log in per accedere inserendo nome e password.
  • Individua la zona che ti interessa: purtroppo non puoi scaricare tutta l’Italia in un colpo solo, (ho provato…) perchè il set di dati sarebbe troppo grande.
    Puoi usare i classici bottoni di zoom e selezionare la zona con un rettangolo oppure un poligono. Ho già usato il rettangolo per scaricare la Sardegna, con intorno una porzione di mare. Ma poi ho scoperto lo strumento Define Area By Country or District/Province or State, che riconosce non solo l’Italia ma anche i confini delle nostre regioni. Proviamo con il Piemonte.

  • Il sistema individua la regione evidenziandola in arancione.
  • Fai clic sul bottone Download per scegliere il formato ed il sistema di coordinate. Sì, perchè ora è possibile scegliere se scaricare il DEM in LL (Lat-Long) oppure in UTM WGS84, quindi in coordinate metriche. Ottimo, questo è molto utile. Inoltre è possibile scegliere il formato tra GeoTiff (che consiglio), ASC di ArcGIS, Jpeg ed 1×1 Tiles. Naturalmente consiglio di attivare la compressione .Zip per accellerare il download. Non dimenticare di leggere le condizioni d’uso.

  • Premi il bottone Submit ed attendi che la tua richiesta venga elaborata. Viene presentata un’altra finestra Output, che contiene due schede importanti:  Data Preview, che presenta l’aspetto dei dati che verranno scaricati, e Data information che contiene i metadati: salvali con una stampa della finestra, ti saranno utili per ricordare in futuro la zona, il formato ed il sistema di coordinate.

 

  • Premi il bottone Download nella finestra Output ed è fatta!
  • Ora ti consiglio di riaprire la finestra Download, perchè puoi scaricare altri dati. Apri la tendina di fianco a Product, dove puoi scegliere una delle immagini satellitari Blu Marble della stessa area e scaricala: ti potrà servire come vestizione del DEM.

2. Uso con AutoCAD Map 3D

Scompatta i dati che hai appena scaricato in una cartella ed avvia AutoCAD Map 3D.
Se vuoi, puoi utilizzare questa procedura con AutoCAD Civil 3D, preparando l’ambiente grazie ai trucchi che ti ho spiegato qui. Inoltre ti ricordo che anche il nuovo Infrastructure Modeler può utilizzare il modello Aster.

  • Premi il bottone Connetti, che trovi subito, in alto a sinistra, nella Barra multifunzione, scheda Inizio. Oppure, nel Riquadro attività (Mapwspace – On alla riga di comando per aprirlo) premi il bottone Dati e scegli Connetti ai dati. In entrambi i casi, si apre la finestra Connessione dati.
  • Assegna un nome alla connessione
  • Premi il bottone sulla destra per individuare la cartella dove hai scompattato i dati.
  • Premi il bottone Connetti per aprire il percorso individuato.
  • Nota che AutoCAD Map 3D hha riconosciuto il sistema di coordinate corretto: UTM 32 WGS 84.

  • Seleziona il file che vuoi caricare, in questo caso il DEM del Piemonte, facendo clic sulla casella di spunta a sinistra del nome del file.
  • Premi il bottone Aggiungi a carta.
  • AutoCAD Map 3D carica il DEM e lo veste con sfumature di verde ed ombreggiature.  A questo punto hai davanti a te numerose potenzialità, molto interessanti, che sto per spiegarti.
  • Nel Riquadro attività seleziona il layer che hai appena caricato, per far comparire nella Barra multifunzione tutti i comandi che puoi applicare.

  • Curve di livello: le opzioni sono intuitive, ma è importante sapere che le curve vengono salvate in formato SDF, il formato vettoriale Autodesk equivalente (ma più evoluto) allo storico SHP di ESRI. Il file SDF può essere poi importato in DWG, per rendere disponibili le curve di livello a chi usa il semplice AutoCAD. Oppure a Civil 3D per creare la Superficie TIN, vettoriale e basata su triangoli.

  • Tematismi: li puoi creare facendo clic nella Barra multifunzone su Editor di Stile. Puoi utilizzare la quota, la pendenza e l’esposizione. Nella finestra Editor di stile, fai clic su Tema per aprire la piccola tendina e poi di nuovo su Tema. Poi scegli la propietà da tematizzare, il numero delle regole, i colori da utilizzare e così via. Oppure puoi applicare una Tavolozza predefinita, come quella, molto bella, del servizio geologico USA (USGS National Map), come nell’immagine qui sotto.

  • Visualizzare il modello in 3D:  fai clic sul bottone 3D, poco sopra la riga di comando. Se stai usando Civil 3D e non lo trovi, leggi qui.
    Puoi esagerare i valori di elevazione, facendo clic sulla piccola freccia di fianco ad 1x. Infine ti consiglio di usare lo strumento Orbita per individuare il punto di vista che preferisci.

  • Aggiungere altri layer GIS, sia vettoriali che raster: verranno proiettati sul modello digitale di elevazione. Puoi usare, ad esempio, la copertura Blue Marble che ti ho suggerito di scaricare. Ti basta premere di nuovo il bottone Connetti, che trovi nella Barra multifunzione, scheda Inizio.

Bene, ora tocca a te!
Naturalmente puoi usare questa stssa procedura per utilizzare anche gli altri DEM disponibili, che puoi scaricare dai siti regionali, o derivare dalle nuvole di punti.

Buon lavoro!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/11/usare-il-nuovo-dem-aster-2-0-con-autocad-map-3d/