Tag: Autodesk

BIM per le infrastrutture

Lo so, finora avevi sentito parlare di BIM solo in campo architettonico.

Ma il BIM (Building Information Modeling) è una metodologia, quindi applicabile a qualsiasi opera dell’uomo.
Il filmato qui sotto te lo illustra. Maggiori informazioni all’indirizzo: www.autodesk.it/bim


Buona visione
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/12/bim-per-le-infrastrutture/

Seminario online per l’Amministrazione Pubblica

Sono felice di annunciarti che Autodesk ha organizzato un interessante seminario online, per mostrarti una panoramica completa delle soluzioni per le amministrazioni pubbliche territoriali e le aziende di servizi.

Comuni, comunità montane, province, regioni, consorzi, parchi, aziende di gestione di reti tecnologiche (acquedotti, fognature, reti elettriche e del gas), e molti altri enti ancora con competenze territoriali, possono trarre grandi benefici dall’uso del software adatto alle loro esigenze, soprattutto in questi momenti difficili, per rendere più efficace il loro lavoro in numerose attività:

  • Urbanistica e pianificazione del territorio
  • Gestione del suolo e del ciclo delle acque
  • Progettazione e gestione delle infrastrutture e delle reti tecnologiche
  • Comunicazione ai professionisti ed ai cittadini delle informazioni territoriali via Web

Il seminario presenterà una panoramica delle soluzioni disponibili in casa Autodesk, utilizzabili senza rinunciare al consolidato mondo CAD, anzi, valorizzando quanto realizzato finora.

Il seminario si terrà online, lunedì 28 novembre dalle ore 11.00
E’ gratuito e durerà circa un’ora
Puoi iscriverti subito facendo clic qui

Ti aspetto!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/11/seminario-online-per-lamministrazione-pubblica/

Tutto il software GIS e Civil in una scatola

Infrastructure Design Suite Premium box
Mi è arrivata pochi giorni fa.
E’ una scatola carina, che contiene una chiavetta USB. Sì, una chiavetta: basta con i lenti DVD. Al suo interno trovi:

  • AutoCAD®
  • AutoCAD® Map 3D
  • Autodesk® Storm and Sanitary Analysis
  • AutoCAD® Civil 3D®
  • Autodesk® 3ds Max® Design
  • Autodesk® Navisworks® Simulate

Sei differenti  software, di cui alcuni di recentissima introduzione: Storm and Sanitary Analysis, per gli amici SSA, per l’analisi dele acque, e Navisworks Manage, per la revisione e la convalida dei progetti. Oltre naturalmente ai pezzi forti della soluzione Autodesk per il mondo GIS e delle infrastrutture: AutoCAD, AutoCAD Map 3D ed AutoCAD Civil 3D. Tutti installabili separatamente, ma sullo stesso PC. 13 Gb di software ad un costo di poco superiore a quello di un AutoCAD Civil 3D.
Mica male direi.

Ma cos’é? Sono diventati pazzi? 🙂
No, è la nuova Infrastructure Design Suite, la soluzione che Autodesk propone per avere a portata di mano tutti gli strumenti per gestire il territorio e le infrastrutture. Fai clic qui per seguire il bel video in italiano di presentazione delle soluzioni Autodesk per il territorio e le infrastrutture.

Del resto, diverse altre Design Suite sono state rilasciate per gli altri mercati dove Autodesk è presente: Building, Factory, Plant… Tutte in tre differenti versioni a seconda delle esigenze: Standard, Premium ed Ultimate.

Per ora il software è disponibile solo in lingua inglese. O perlomeno la versione inglese è quella che trovi sulla chiavetta USB. Ma i più informati mi dicono che se installi le versioni italiane (anche quelle scaricate come versioni di prova, per esempio da qui), puoi autorizzarle ugualmente…
Trovi tutte le informazioni di dettaglio in lingua inglese. Così come la brochure.

Aldilà dell’aspetto commericiale, mi sembra che con queste nuove Design Suite, Autodesk si stia mettendo su di una strada interessante.

  • Ad esempio nel mettere un po’ di ordine nelle decine di software differenti del suo portafoglio prodotti, molti derivanti dalle numerose acquisizioni degli anni scorsi, riorganizzandoli come soluzione complessiva, quindi partendo dalle esigenze dei clienti.
  • E poi nell’offrire ai suoi clienti molte più funzionalità, anche molto avanzate, ad un prezzo accessibile e tendenzialmente in diminuzione. La chiamano “democratizzazione” del software: quello che prima era riservato a pochi, a causa dei costi, ora è accessibile a molti, se non a tutti. Un esempio lampante lo abbiamo appena visto con AutoCAD Map 3D 2012, che ora incorpora sia il precedente Map 3D che Autodesk Topobase: rendendo disponibili le sue funzionalità avanzate per la gestione delle reti tecnologiche sia su Geodatabase che perfino su DWG.
  • Infine, dal punto di vista tecnologico le Design Suite aprono ad una possibile scomposizione/ricomposizione dei prodotti, utilizzandone le funzionalità come mattoni per costruire nuovi edifici, molto innovativi. Come i nuovi software rilasciati dagli Autodesk Labs. Anche in questo caso, ho avuto modo di sperimentare cosa significa, con il nuovissimo Infrastructure Modeler 2012. Dove puoi caricare dati GIS e modelli digitali di elevazione con la stessa tecnologia di Map 3D, per poi creare progetti preliminari di strade e di infrastrutture con strumenti semplificati simili a quelli di Civil 3D, progetti preliminari architettonici con gli strumenti che trovi in Vasari. E se vuoi, puoi caricare progetti completi di infrastrutture creati da Civil 3D in formato LandXML, e progetti architettonici completi creati da Revit Architecture in formato Fbx. Per poi effettuare analisi (3D!), tematismi, generare filmati e molto altro ancora.

Certo, tutto questo non avverrà domani. Ma la direzione sembra tracciata.

A presto!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/10/tutto-il-software-gis-e-civil-in-una-scatola/

Autodesk in the Cloud

Autodesk Cloud

Scusami il titolo in inglese, in questo che si vanta di essere un Blog italiano. Ma è difficile rendere con un termine diverso da Cloud computing quello di cui sto per scriverti.

Si tratta di una delle sfide principali dell’informatica di questi anni, ed ora anche Autodesk imbocca decisamente questa strada, anche se il lancio di AutoCAD WS e diversi altri segnali sui Labs andavano già in questa direzione. Il 27 settembre, infatti, è stato annunciato ufficialmente il rilascio di molti nuovi servizi, riservati ai clienti con contratto di manutenzione attivo (Autodesk Subscription).

“Una gamma di oltre 12 funzionalità, prodotti e servizi web based  che permettono ai clienti di estendere le capacità dei propri desktop a più ampi livelli di mobilità, di visualizzazione e condivisione delle informazioni, oltre ad acquisire una maggiore potenza elaborativa che li aiuterà  a progettare, visualizzare e simulare meglio le proprie idee.”

Grazie a questi servizi, raccolti sotto il nome Autodesk Cloud,  ora è possibile condividere i propri disegni ed i progetti online (3 Gb disponibili per ogni utente), calcolare rendering (basta con il PC fermo perchè sta calcolando!), ottenere analisi energetiche per ottimizzare l’efficienza degli edifici e molto altro ancora. Trovi i dettagli nella pagina Web dedicata sul sito Autodesk. Alcuni servizi, come la condivisione dei dati online  sono disponibili per tutti i clienti Subscription, altri dipendono dal prodotto.

Un aspetto interessante, dal punto di vista tecnologico, è che buona parte dei nuovi servizi sono costituiti da progetti elaborati dagli Autodesk Labs, ora divenuti prodotti veri e propri. come in agosto è successo per Progetto Galileo, ora divenuto il baldo Infrastructure Modeler 2012, che in questo momento sto presentando a MADE Expo (questo è un articolo programmato 🙂 ).

Alla prossima!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/10/autodesk-in-the-cloud/

Certificazione Autodesk

Certificazione Adsk AEC Pre Sales

Sono soddisfazioni…

E’ stata dura, ma anche quest’anno ho terminato il processo di certificazione Autodesk, per la qualifica AEC Infrastructure Pre Sales. Una dozzina di training online e due esami, richiesti da Autodesk per i tecnici dedicati.

In bocca al lupo per chi deve ancora terminare!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/10/certificazione-autodesk/

Congresso Ingegneri a Bari

Se passi dalle parti di Bari, puoi venire a trovarmi al teatro Petruzzelli.
Sarò presso lo stand Autodesk, da mercoledì 7 a venerdì 9 settembre, nell’ambito del 56^ Congresso nazionale Ordini Ingegneri.

Naturalmente sarò armato di PC, con tutti i nostri amati software…

Ti aspetto!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/09/congresso-ingegneri-a-bari/

AutoCAD Map 3D per la rete idrica

Di acqua se ne è parlato molto, negli ultimi tempi in Italia… 🙂
Bene, ecco che anche Autodesk vuole dire la sua, con un seminario online tenuto da un esperto di settore intitolato:

Il CAD e il GIS per la gestione della rete idrica

Il seminario si terrà via Web giovedì 14 luglio alle ore 11.00.
Verranno presentati casi concreti di applicazione dei software Autodesk per la gestione ottimale delle reti idriche.
Come già ti ho scritto qui, la nuova versione 2012 di AutoCAD Map 3D introduce novità molto interessanti, anche per la gestione delle reti idriche.  L’introduzione al seminario mi sembra molto interessante:

Per ottenere un’efficace gestione della rete idrica o fognaria occorrono soluzioni software semplici e potenti, affidabili e dal costo relativamente contenuto. Autodesk ha sviluppato una serie di strumenti per questo settore che sono basati su AutoCAD, uno tra i software più affidabili e diffusi del mercato, con l’obiettivo di rendere ancora più semplice e produttivo il tuo lavoro. Le soluzioni Autodesk mettono a disposizione le informazioni giuste alle persone giuste al momento giusto, consentendo di pianificare e operare in modo efficiente e rapido su acquedotto, fognatura, acque piovane. […] Gli specialisti Autodesk ti attendono per presentare e commentare in diretta le soluzioni Autodesk per il settore utilities e illustrarti casi concreti di implementazione.

Per maggiori informazioni e per iscriverti vai subito sulla pagina dedicata del sito Autodesk:

www.autodesk.it/acqua

Il 14 luglio, collegandoti via Internet a partire dalle ore 11, potrai assistere comodamento dalla tua postazione  di lavoro all’evento in diretta. Io mi sono già iscritto…

Ci vediamo lì!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/06/autocad-map-3d-per-la-rete-idrica/

Autodesk è Citrix ready

Citrix Ready

Con la nuova linea 2012 dei suoi software, Autodesk ha aumentato notevolmente il numero dei suoi software supportati in ambiente Citrix XenApp™.
Qui trovi l’annuncio ufficiale in lingua inglese.

Con la versione 2011, infatti, solo il nostro amato AutoCAD Map 3D poteva essere installato in ambiente Citrix. Siamo stati i primi 😉
Ora invece, con la versione 2012, puoi utilizzare molti dei principali software Autodesk: oltre ad AutoCAD Map 3D, AutoCAD, AutoCAD Architecture, AutoCAD MEP, Revit Architecture, Revit Structure, Revit MEP ed AutoCAD Map 3D Enterprise, il nuovo fratello maggiore (ex Topobase) di AutoCAD Map 3D.

Trovi tutte le informazioni nella pagina che Autodesk ha dedicato a queste informazioni, all’indirizzo www.autodesk.com/citrix

Se non sai di cosa stiamo parlando 🙂 non ti preoccupare: Citrix viene utilizzato di solito in grandi aziende, per facilitare la gestione informatica. Permette la virtualizzazione delle applicazioni, in modo che queste risiedano su di un server, e possano essere manutenute ed aggiornate in modo  centralizzato. Tradotto in soldoni, i prodotti Autodesk in questo ambiente non richiedono una installazione per ogni PC: l’installazione avviene solo sul server, che poi le mette a disposizione di tutti. Naturalmente la licenza è simile a quella di rete (NLM), ed ha un costo leggermente superiore a quello della licenza singola.

Alla prossima!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/05/autodesk-e-citrix-ready/

Autodesk 2012: il video è online

Sintonizzati ad Autodesk 2012

Il 6 aprile Autodesk ha trasmesso,  in diretta web tv dagli uffici Autodesk di Milano, un talk show sui nuovi software della linea 2011.
Sette esperti  hanno presentato, nel corso di un’ora e mezza in anteprima nazionale, le nuove funzionalità dell’ultima generazione delle soluzioni Autodesk.
Se hai perso l’evento dal vivo, eccoti qui sotto  la registrazione.

Dal 53esimo minuto puoi seguire Stefano Toparini, che presenta le tecnologie per la gestione del territorio, ed annuncia alcune novità molto interessanti. Autodesk Topobase, software avanzato per la gestione delle reti tecnologiche, è stato inglobato in AutoCAD Map 3D. Autodesk MapGuide, per la pubblicazione dei progetti GIS sul Web, ingloba Topobase Web, cambia di nome e diventa Autodesk Infrastructure Map Server. E poi i molti software disponibili su Autodesk Labs, tra cui il mitico Progetto Galileo.

Se vuoi seguire il video dall’inizio non ti preoccupare per i primi istanti di schermo nero: la ripresa inizia ad 1 min e 47 secondi.

Video streaming by Ustream

Buona visione!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/05/autodesk-2012-il-video-e-online/

Disponibile AutoCAD WS per Android

Una bella sorpresa nell’uovo di Pasqua Autodesk.

Da tempo seguo con attenzione l’evoluzione di AutoCAD WS, che come ti ho già scritto permette di portare i disegni, ma anche le mappe e le cartografie ovunque.

Con AutoCAD WS, infatti, puoi visualizzare, modificare e revisionare i disegni al volo, aprire i progetti dagli allegati di posta elettronica e caricarli direttamente dal software AutoCAD o sincronizzare i file dal Web.Inoltre puoisalvare localmente i disegni, così da poter lavorare senza una connessione Internet.

Finora potevi utilizzare AutoCAD WSsolo  sul Web oppure su dispositivi portatili che utilizzano il sistema operativoApple iOS, quello per intenderci di iPhone, iPad, e perfino iPod Touch, scaricando l’applet gratuita dall’iTunes Store.

Ora, a grande richiesta, è stata rilasciata l’applet per Android, scaricabile gratuitamente dall’Android market qui.
Questo significa poter utilizzare AutoCAD Ws su molti altri smartphone, di marche differenti, che utilizzino Android 2.1 o superiore. E’ consigliato il processore a 1 GHz e 512 MB di RAM.

La notizia è apparsa sul Blog di AutoCAD WS la scorsa settimana, ed ha avuto ampia diffusione sui numerosi siti di appassionati di Android.

In più la versione Web ha ora nuove funzionalità: molto interessante la possibilità di stampare al volo in formato PDF.

Ora ci tocca provarlo 🙂
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2011/04/disponibile-autocad-ws-per-android/

Load more