Archivio Tag: Navisworks

Giu 12 2017

Un BIM Manager italiano in Qatar: l’intervista

Cesare Caoduro, BIM Manager italiano, ha trascorso un paio di anni a Doha, in Qatar, per lavorare con Anel Group al progetto delle nuove metropolitane.

Ho avuto il piacere di conoscerlo come collega e siamo rimasti in contatto: mi è parso molto interessante intervistarlo per farci raccontare la sua bella esperienza e conoscere, dal punto di vista di chi è sul campo, lo stato dell’arte della progettazione BIM per le infrastrutture… Leggi il resto »

Mag 26 2017

Luxury BIM a Torino: ho visto cose che voi umani…

Ieri ho partecipato ad un grande evento BIM, organizzato a Torino dagli amici di Systema:
Luxury BIM, perchè il BIM va fatto bene… E perchè eravamo ospitati dal cinema Lux in pieno centro città.

Davanti ad un numeroso pubblico, sul grande schermo sono stati presentati progetti BIM e soluzioni davvero all’avanguardia, dedicati al BIM per le infrastrutture (finalmente) ed al BIM architettonico. Vale proprio la pena riferire sui contenuti… Leggi il resto »

Apr 18 2017

Autodesk Revit 2018: piattaforma BIM integrata e finalmente georeferenziata

revit-2018-badge-256px

E’ disponibile per il download Autodesk Revit 2018, in tutte le lingue compreso l’italiano, e le novità sono davvero interessanti, soprattutto nella direzione dell’integrazione e dell’interoperabilità,fondamentali nell’approccio BIM, di cui Revit è una delle colonne portanti.

Comincio ad anticiparti due novità strategiche, a livello di piattaforma: i modelli di coordinamento e la georeferenziazione dei progetti. Leggi il resto »

Mar 20 2017

Georeferenziare i progetti BIM

SharedReferencePoint-BIM

Uno degli ostacoli principali nella collaborazione BIM consiste nella corretta georeferenziazione dei progetti. Soprattutto nel caso di collaborazione tra BIM verticale (architettura).e BIM orizzontale (infrastrutture).

Ma prima di tutto, a cosa serve georeferenziare i progetti? Serve ad utilizzare nel tuo progetto BIM sia i dati topografici, come i rilievi, sia i dati cartografici e GIS, come ortofoto, carte tecniche o meglio Database Topografici e così via, per inserire il progetto nel contesto territoriale 3D. E scusa se è poco.

Allo stesso modo, se vuoi che la parte BIM verticale dialoghi con quella orizzontale, ad esempio se vuoi inserire il progetto del casello in quello dell’autostrada, o della stazione in quello ferroviario: non puoi certo farlo manualmente, rischiando errori clamorosi. Hai bisogno di condividere la georeferenziazione.

Bene, ma in pratica come posso fare? Guarda il video seguente, dove John Sayre di Autodesk ti mostra la tecnologia Shared Reference Point, che permette di condividere la georeferenziazione dei progetti tra AutoCAD Civil 3D, Revit, InfraWorks 360 e Navisworks. Leggi il resto »

Nov 02 2016

Il tuo progetto in Realtà Virtuale 3D in pochi minuti

RealtaVirtuale-JeffsPhone

L’ho sempre detto che Jeff Bartels è geniale.

E mi farà molto piacere incontrarlo di nuovo ad Autodesk University qui.

Cosa ne dici della possibilità di presentare al tuo cliente il progetto in 3D, grazie a strumenti di realtà virtuale? Ti basta uno smartphone ed un semplice accessorio da pochi euro.

Ti presento oggi il video di Jeff Bartels che in 6 minuti ti mostra come fare: puoi portare in realtà virtuale 3D non solo i tuoi progetti di infrastrutture, ma anche i progetti architettonici ambientati nel territorio come ti ho spiegato qui.

Seguimi in questo viaggio breve, ma molto interessante…
Leggi il resto »

Ago 08 2016

Dal rilievo aerofotogrammetrico alle ortofoto georeferenziate da droni

Recap-IW360-DigitalPhoto

Negli ultimi anni l’evoluzione degli strumenti UAV/SAPR*, volgarmente chiamati droni, ha portato in campo civile a grandi innovazioni nel campo del rilievo territoriale ed urbano.

Puoi ben immaginare quanto sia più veloce ed economico effettuare un rilievo con un drone, piuttosto che utilizzare, come si è fatto finora, un aereo oppure un elicottero.

Certo, come è giusto questa nuova attività ora è regolamentata dall’ENAC, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, e richiede operatori specializzati, ma resta estremamente interessante per chi abbia bisogno di rilievi nel campo della progettazione e della manutenzione di infrastrutture.

Vediamo di approfondire il tema…

Leggi il resto »

Dic 02 2015

#AU2015 Start to Finish: il flusso di lavoro BIM per le Infrastrutture

StartToFinishFirstSlide

Oggi si comincia con un bel laboratorio “Hands On“, tenuto da ottimi tecnici italiani e svizzeri: Salvatore Macrì e Daniele Serretti di InterCAD e Stefano Toparini di Autodesk.

20151202_094510I partecipanti hanno modo di provare il flusso di lavoro BIM per le Infrastrutture utilizzando numerosi software contenuti nella Autodesk Infrastructure Design Suite (AutoCAD Map 3D, AutoCAD Civil 3D, Subassembly Composer, Revit Structure, 3ds Max, Navisworks) e naturalmente Autodesk InfraWorks 360.

Leggi il resto »

Set 28 2015

Conosci Autodesk Navisworks?

navisworks-2016-badge-256pxFinora, in questo Blog, ti ho parlato soprattutto di AutoCAD, AutoCAD Map 3D ed AutoCAD Civil 3D, del mitico InfraWorks 360… Ma è arrivato il momento di presentarti un altro attore importante della soluzione Autodesk per la progettazione BIM: Autodesk Navisworks.

In buona sostanza, Navisworks entra in gioco in vista dell’apertura del cantiere: si occupa, infatti, del coordinamento, dell’analisi e della pianificazione dei tempi e dei costi di costruzione, in ambiente BIM.

Se tieni presente che i costi di costruzione di un edificio o di una infrastruttura rappresentano una parte preponderante dei costi totali, e che fino a poco fa non erano disponibili software dedicati al controllo ed all’ottimizzazione di questi costi, appare chiaro che Navisworks può giocare un ruolo molto importante.

Vediamo allora di cosa si occupa nei dettagli…

Leggi il resto »

Lug 13 2015

Non solo AutoCAD Civil 3D: ecco i moduli aggiuntivi

Civil3D2016-SplashScreen

AutoCAD Civil 3D, da molti anni, rappresenta la soluzione più avanzata, articolata e potente per la progettazione BIM delle infrastrutture, come strade, ferrovie, reti di condotte a gravità ed in pressione. Questo perchè:

  • Gode della base CAD più utilizzata al mondo, quella di AutoCAD
  • Approfitta delle funzionalità GIS  perchè contiene al suo interno AutoCAD Map 3D
  • Mette a disposizione i modelli intelligenti 3D per la progettazione BIM
  • Interagisce direttamente con diversi altri software Autodesk, come InfraWorks 360 e Navisworks.

Ma non è finita qui.

AutoCAD Civil 3D dispone da alcuni anni di numerosi moduli aggiuntivi, per la progettazione dei ponti e delle ferrovie, l’analisi delle reti di condotte e delle acque superficiali, l’analisi geotecnica, la personalizzazione dei modelli intelligenti, lo studio dell’ingombro stradale dei mezzi pesanti e la progettazione dei parcheggi,  l’interazione con 3ds Max, la gestione delle cartografie raster, comprese le ortofoto ed i modelli digitali di elevazione…

Leggi il resto »

Gen 16 2014

Manuale per la progettazione stradale BIM

BIM-Workflow-RoadsDesign

Durante le ultime vacanze di Natale, ho ordinato un manuale (anche se la parola manuale è molto riduttiva, si tratta in realtà di un eBook) sulla progettazione stradale BIM.

Si tratta di uno strumento molto interessante, in lingua inglese intitolato “BIM Workflow for Roads and Highways”  e dedicato a chi utilizza la nuova Infrastructure Design Suite di Autodesk, per gli amici IDS. E qui sta il bello: non si tratta infatti di un manuale tradizionale, basato su di un singolo prodotto, ma di un flusso di lavoro che utilizza diversi software per ottenere il risultato, ovvero la progettazione di una strada.

Leggi il resto »

Post precedenti «