«

»

Giu 16 2017

Dal GIS al BIM e ritorno: note dall’evento One Team

Ho appena partecipato all’evento di One Team di ierinella splendida cornice della Cascina Boscaccio, e devo dire che come al solito la sessione dedicata a BIM e Infrastrutture è stata di grande interesse: i miei complimenti ad Alberto Villa, Daniele Boni e come sempre a Santi Sarica che l’hanno preparata e tenuta.

Come puoi vedere nella foto, la partecipazione è stata molto nutrita, e ne è valsa la pena.

Comincio a riassumerti cosa ci hanno presentato, ma ho già la promessa che gli interventi saranno pubblicati sul sito di One Team, non mancherò di informarti…

Intanto ecco cosa ci hanno raccontato…

Prima di tutto un aggiornamento sulle novità  2018 dei software Autodesk. Daniele lo ha tenuto in in modo preciso ed appassionato, illustrando le novità di InfraWorks, che ha perso il suffisso 360 ma ha guadagnato molto, di Revit, che ora georeferenzia i progetti, di AutoCAD Civil 3D, il Country Kit è già in fase di test, e di Navisworks, che costruisce modelli che a loro volta possono essere caricati in AutoCAD, Revit e Recap.

L’intervento di Alberto è stato dedicato alle interazioni tra GIS e BIM. Visti i temi che tratto in questo Blog è stato molto interessante seguire il suo approfondimento, fatto a partire dalla famosa norma UNI 11337 sul BIM.

Come sostengo da anni, i dati GIS rappresentano una base di partenza molto importante per i progetti di infrastrutture, ma la novità introdotta da Alberto è stata la relazione inversa: anche i modelli BIM possono essere restituiti all’ambiente GIS, andando a rappresentare una nuova ed importante fonte dati. E per utilizzarli in modo efficace, anche la rappresentazione GIS è destinata a divenire tridimensionale. C’è molto su cui riflettere.

Infine Santi sull’interoperabilità. Ovvero in che modo si posso arricchire la I di BIM associando ai modelli BIM di infrastrutture informazioni importanti come LOD, il livello di sviluppo, piuttosto che WBS, il codice per l’aggancio ai computi metrici ed alla pianificazione di cantiere. Informazioni che vengono poi trasferite agli altri software della soluzione BIM ed all’esterno tramite l’esportazione in formato IFC.

Bene, ho la promessa che gli interventi completi verranno pubblicati sul sito di One Team al più presto: non mancherò di fartelo sapere…

Alla prossima!
Giovanni Perego