Nuovo Codice degli Appalti: BIM facoltativo, per ora

Autodesk_BIM_for_Infrastructure

Il nuovo Codice degli appalti prosegue speditamente nel suo iter, che dovrà portarlo ad essere definitivamente approvato entro il 18 aprile.

Dopo l’approvazione da parte del Parlamento della delega al governo in gennaio, sono girate diverse bozze preliminari, accompagnate da un importante convegno sul BIM e dalle dichiarazioni del Ministro per le Infrastrutture Delrio, che ha voluto dare una forte spinta all’innovazione (leggi: BIM) ed alla centralità del progetto.

La scorsa settimana la bozza è stata approvata dal Consiglio dei Ministri, ora manca solo l’approvazione definitiva da parte del Parlamento.

Il testo approvato prevede che entro 6 mesi dall’entrata in vigore le Stazioni Appaltanti potranno richiedere l’uso del BIM per le opere ed i servizi di progettazione di importo superiore alle soglie comunitarie .In seguito, verrà stabilita la tempistica necessaria per arrivare all’uso obbligatorio del BIM, in base alla tipologia delle opere e dei servizi ed al loro importo.

Bene, ora non ci resta che contare su di una sollecita approvazione da parte del Parlamento.

Per approfondire, ti consiglio:

A presto!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2016/03/nuovo-codice-degli-appalti-il-bim-facoltativo-per-ora/