«

»

Lug 24 2017

Autodesk InfraWorks cresce ancora: nuovi strumenti BIM per le infrastrutture

Autodesk ha reso disponibile InfraWorks 2018.1: come per gli anni scorsi, prosegue la crescita impetuosa di questo software innovativo, che viene rilasciato più volte all’anno con importanti novità…

Se hai un Abbonamento (Autodesk Subscription) attivo, puoi già scaricare la nuova versione da Autodesk Account, scegliendo Gestione > Autodesk InfraWorks > Aggiornamenti e moduli aggiuntivi, oppure grazie alla Autodesk App, che te lo segnala direttamente sul tuo PC.

Se non hai un abbonamento, lo puoi scaricare qui in versione di prova, pienamente funzionante per 30 giorni.

Eccoti subito le numerose novità in dettaglio…

Ora i componenti aggiuntivi di strade e ponti possono essere parametrici: sia i parametri che gli stili di questi componenti possono essere modificati all’interno di InfraWorks, e possono essere creati nuovi componenti grazie ad Autodesk Inventor.

Diamo il benvenuto al nuovo Editor per le parti, dedicato alla creazione e personalizzazione di condotte, pozzetti e tutto quanto riguarda le reti per il drenaggio delle acque. Finalmente Project Kameleon è approdato in InfraWorks, e tra poco spero lo troveremo, uguale, in AutoCAD Civil 3D. Così la condivisione delle reti di condotte tra InfraWorks e Civil 3D sarà perfetta.

PS: questo nuovo Editor va installato come estensione, la tua fedele Autodesk App, come puoi vedere qui sopra, te lo segnala dopo aver aggiornato InfraWorks alla versione 2018.1

Oppure, naturalmente, lo trovi in Autodesk Accountscegliendo Gestione > Autodesk InfraWorks > Aggiornamenti e moduli aggiuntivi, come per l’aggiornamento di InfraWorks alla versione 2018.1

Grandi progressi nell’uso delle nuvole di punti: ora è possibile estrarre, in modo automatico o manuale, tracciati ed elementi lineari, che possono poi essere categorizzati e stilizzati.

Una volta estratto il tracciato, è possibile visualizzare lungo di esso sezioni trasversali della nuvola di punti, per ottenerne delle breaklines, che possono essere esportate in AutoCAD Civil 3D, per modellare in modo più efficace le Superfici.

Ora è possibile governare la visibilità delle etichette in base alla vista. Insieme ad altri miglioramenti, questo rende le etichette ancora più efficaci e facili da usare.

Infine diversi miglioramenti di produttività introducono migliori transizioni nel tracciato e permettono di calcolare i volumi di sterro e riporto in modo più efficace, per più strade, oppure per intervalli di progressiva, ppure per aree di interesse.

Per approfondire, puoi leggere questi miei articoli:

Oppure leggi l’articolo sul nuovo portale Autodesk dedicato alle Infrastrutture:

Se vuoi vedere tutte le novità dal vivo, ecco qui sotto il video YouTube che le descrive, con qualche anticipazione sugli importanti sviluppi futuri… 🙂

Aggiornerò il mio InfraWorks al più presto…
Buon download!
Giovanni Perego