«

»

Dic 18 2017

Progettazione parametrica BIM di tunnel ed impianti per le metropolitane

Voglio rilanciare qui l’ottimo intervento del mio ex collega Cesare Caoduro ad Autodesk University, pochi giorni fa. Cesare è impegnato sul campo nella progettazione di metropolitane, a partire dalla sua esperienza in Qatar: leggi qui l’intervista che gli ho fatto in giugno.

Nel suo intervento ha mostrato diverse applicazioni di Dynamo, il software Open Source per la progettazione BIM parametrica per Autodesk Revit, nella progettazione esecutiva di tunnel per la metropolitana, ed ha elaborato soluzioni originali e molto interessanti ad alcuni problemi ricorrenti,  come ad esempio l’utilizzo di tracciati provenienti da AutoCAD Civil 3D o da software della concorrenza.

Puoi seguire qui la registrazione dell’intervento di Cesare ad AU

Vediamo perchè questa soluzione è importante per noi che ci occupiamo di infrastrutture…

Cesare ha illustrato un passaggio a mio parere molto importante: ha spiegato in che modo importare in Revit i tracciati realizzati con AutoCAD Civil 3D, che a sua volta contiene uno strumento dedicato all’importazione dei tracciati dai software Bentley, che hanno una certa diffusione nel campo del tracciamento. In questo passaggio sono lieto di aver dato qualche suggerimento a Cesare… 🙂

Bene, i tracciati delle metropolitane, come quelli ferroviari e stradali, geometricamente sono composti da tratti rettilinei, archi di cerchio e curve spirali di tipo particolare, dette clotoidi, per garantire la transizione dai tratti rettilinei agli archi.

Visto che il formato IFC non è ancora pronto per gestire i tracciati, Cesare ha provato ad esportarli da AutoCAD Civil 3D in formato LandXML, per poi importarli in Revit grazie al modulo aggiuntivo Site Designer. Purtroppo, però, Revit non ha riconosciuto proprio le clotoidi, lasciando quindi dei tratti vuoti nei tracciati importati.

Per questo è necessario Dynamo per leggere dal file LandXML e riprodurla in Revit. Un’ottimo risultato direi, che è riproducibile per tutti i tracciati, quindi anche in campo ferroviario e stradale.

Ma non è finita qui: la sessione mostra come Dynamo permette di creare la galleria in base al tracciato, utilizzando la famiglia dei conci di cemento, e poi come progettare tutti gli impianti, all’interno del tunnel così creato.

In questo modo la progettazione del tunnel viene in gran parte automatizzata, permettendo di ottenere i risultati in modo veloce e preciso a partire dal tracciato.

Bene, direi che vale proprio la pena di investire un’oretta:

Segui la registrazione dell’intervento di Cesare ad AU qui

NB: sotto il video, che puoi scaricare, trovi i link per scaricare anche i materiali che Cesare ha messo a disposizione.

Alla prossima!
Giovanni Perego