Tag: Subscription

Nuove funzionalità per AutoCAD Civil 3D 2014

autocad-civil-3d-2014-badge-350px

Pochi giorni fa è stato pubblicato sul Subscription Center, il portale riservato per i clienti Autodesk che hanno un contratto di manutenzione (Subscription) attivo, un nuovo set di miglioramenti per AutoCAD Civil 3D 2014.

Si tratta di AutoCAD® Civil 3D 2014 Productivity Pack 1.
Ti ricordo che per accedere al Subscription Center è necessario avere un account valido.

Il nuovo Productivity Pack 1 propone queste nuove funzionalità:

  • AutoCAD Civil 3D Export Drawing: questa nuova utilità consente agli utenti di esportare un progetto di AutoCAD Civil 3D nei formati .DWG  di AutoCAD o .DGN  di MicroStation. Gli utenti possono controllare quali carte e layout verranno esportati, nonché in che modo verranno gestiti gli xrif.
    • I modelli e le etichette di Civil 3D vengono convertiti in entità di base e salvati in formato .DWG o .DGN.
    • I layout di AutoCAD possono essere esportati in formato DWG di AutoCAD.
    • Inoltre, gli utenti possono scegliere di esportare lo spazio modello oppure una selezione di layout nel formato .DWG di AutoCAD.
  • Possibilità di visualizzare le parti delle reti di condotte a gravità come sezioni reali (con un aspetto sezionato) nelle sezioni di AutoCAD Civil 3D.
  • Possibilità di includere le reti di condotte in pressione in Autodesk® Vault.
  •  Inclusione del comando AutoCAD Set Location nel riquadro degli strumenti di AutoCAD Civil 3D.  Questo comando è presente per default in AutoCAD Civil 3D, ma non viene visualizzato nella barra multifunzione. Il comando è stato aggiunto al riquadro degli strumenti per agevolare gli utenti di AutoCAD Civil 3D.

Per maggiori dettagli e l’installazione puoi leggere qui sotto il Readme in italiano (grazie, Autodesk 360…):

Se hai un contratto Autodesk Subscription attivo per AutoCAD Civil 3D o per la Infrastructure Design Suite (Premium o Ultimate), Fai clic qui per scaricare il Productivity Pack 1 per AutoCAD Civil 3D 2014.

Buon download!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2013/12/nuove-funzionalita-per-autocad-civil-3d-2014/

Usa il tuo software Autodesk da lontano

Sei fuori dall’ufficio ed hai bisogno di accedere alle tue mappe ed ai tuoi progetti? Ora non devi più correre: ti basta aver installato Autodesk Remote.

Si tratta di una nuova applicazione Autodesk, rilasciata il 16 settembre in lingua inglese per Windows 7 e Windows 8 a 32 e 64 bit, disponibile per i clienti che hanno un contratto Subscription attivo.

E’ compatibile con tutti i software Autodesk, e ti permette di avviarli ed utilizzarli sul tuo PC principale, connettendoti da un PC remoto, o perfino da un iPad. Quindi puoi aprire i tuoi file, controllarli, prendere misure e fare calcoli, modificarli, salvarli e così via. Basta aver installato Autodesk Remote sul tuo computer principale e su quello remoto, ed aver attivato la condivisione del primo. Per utilizzare un iPad devi installare la app da iTunes qui.

Vai alla pagina dedicata ad Autodesk Remote qui.

Leggi le domande frequenti (FAQ) in inglese qui.

Bella mossa!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2013/09/usa-il-tuo-software-autodesk-da-lontano/

Disponibile Autodesk InfraWorks 2014 R2

Nelle scorse settimane, Autodesk ha approfittato delle vacanze 🙂 per rendere disponibile una nuova versione, del suo già promettente InfraWorks 2014, il software per la costruzione delle città digitali e la progettazione preliminare di infrastrutture, all’interno del processo BIM. Puoi leggere i dettagli su InfraWorks qui. 

A quanto pare la sua tecnologia stia crescendo così rapidamente da rendere necessario l’uscita di due release all’anno… Ma è da notare che la nuova versione è legata ad un importante annuncio di cui ti scriverò lunedì. 

il nuovo InfraWorks 2014 R2 è già disponibile per i clienti con un contratto di Subscription attivo per InfraWorks, per le Infrastructure Design Suite Premium ed Ultimate, e per la Building Design Suite Ultimate. Questi fortunati possono già scaricare InfraWorks 2014 R2 qui. Naturalmente occorre possedere le credenziali per accedere.

La nuova versione introduce diverse novità interessanti. le principali sono:

Ora è più facile la progettazione di reti tecnologiche come acquedotti e fognature, perchè le condotte sono state vincolate ai pozzetti. Per spostare la rete, quindi, basta spostare i pozzetti, le condotte si modificheranno di conseguenza. Guarda questo video per un esempio::

Inoltre il formato IMX, per lo scambio dei dati con AutoCAD Civil 3D, ora gestisce meglio le reti tecnologiche.

Anche la progettazione stradale è migliorata, grazie a nuovi strumenti per creare e modificare le intersezioni.

Un altra novità riguarda la modellazione del terreno: ora è possibile definire, sul modello del terreno esistente, delle aree che possono essere rese piane, per esempio per creare la base per una nuova costruzione. Ecco un video di esempio:

L’importazione di modelli dai due formati CityGML (il formato Open per la città digitali) e RVT di Revit, il software Autodesk per la progettazione architettonica, strutturale e di impianti, è stata resa più veloce grazie ad un servizio Cloud. Maggiori dettagli qui.

Infine è presente un link dedicato al sito Weogeo.com, un fornitore di dati territoriali e GIS, che può essere utile per trovare subito i dati di base (modelli digitali di elevazione, ortofoto e così via) da cui partire.

Maggiori dettagli sulle novità della versione 2014 R2, in inglese, nell’Help online di InfraWorks qui.

InfraWorks 2014 R2 è disponibile come prodotto singolo, ma cnhe:

  • All’interno della Infrastructure Design Suite Premium ed Ultimate.
  • All’interno della Building Design Suite Ultimate.
  • All’interno del nuovissimo Autodesk InfraWorks 360 Pro, che tra l’altro è disponibile a noleggio.

Bella tecnologia!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2013/09/disponibile-autodesk-infraworks-2014-r2/

Cattura la realtà con ReCap Photo

Oggi voglio proporti di provare una nuova tecnologia, gratuita (per ora) per catturare la realtà.

Grazie a questa tecnologia puoi ricostruire la mesh di un oggetto, che sia un soprammobile oppure un edificio, a partire da semplici fotografie digitali che puoi realizzare anche tu, purché con un certo criterio.

Sto parlando di Autodesk ReCap Photo, che Autodesk ha reso disponibile in versione di prova sul suo portale Autodesk 360. Per accedere, basta una semplice registrazione.

Appena entri, guarda nella colonna di destra, dove in un riquadro trovi, sotto l’immagine che vedi qui sopra, l’annuncio della versione di valutazione di Autodesk ReCap Photo. Fai clic su Ulteriori informazioni per aprire un riquadro di istruzioni che ti spiega come funziona, ti permette di seguire dei video tutorials e soprattutto di utilizzare delle foto di prova (sample content) per costruire un modello.

Un aspetto molto interessante è che ReCap Photo non richiede di installare nulla: è infatti un servizio Cloud, tu carichi le fotografie e l’elaborazione viene svolta in remoto da server dedicati. Quando la mesh è pronta, viene inviata una email che ti avvisa che la puoi scaricare da Autodesk 360.

Bene, io ho già provato a creare il modello dell’Hotel Marriot: guarda qui sotto il video che ti mostra come puoi ottenerlo anche tu.

Ecco il modello, inserito all’interno di Autodesk InfraWorks:

Inoltre Autodesk ha reso disponibile un altro pezzo di questa tecnologia, chiamato ReCap Studio. Ti permette di caricare, indicizzare e preparare nuvole di punti da laser scanner, anche di grandi dimensioni, per l’uso con AutoCAD Map 3D, AutoCAD Civil 3D e lo stesso InfraWorks. La trovi in tutte le Design Suites, oppure lo puoi scaricare gratuitamente dal sito Autodesk qui.

Infine, la parte meno visibile ma più importante di questa tecnologia è incorporata all’interno dei software Autodesk, che ora possono usare facilmente nuvole di punti molto più grandi e pesanti di prima.

Proprio una bella tecnologia!
Provare per credere
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2013/05/cattura-la-realta-con-recap-photo/

Scarica Infrastructure Map Server 2014 in italiano

Anche Infrastructure Map Server 2014, già noto come MapGuide, è già disponibile in lingua italiana, a 32 e 64 bit. I requisiti di sistema li puoi leggere qui.

Infrastructure Map Server, ti ricordo, è il server WebGIS proposto da Autodesk, che permette di pubblicare le informazioni geografiche sul Web. E’ strettamente integrato ad AutoCAD Map 3D, (quindi anche AutoCAD Civil 3D) con cui condivide la tecnologia FDO: questo significa che tutti i progetti GIS costruiti con Map 3D sono immediatamente e direttamente pubblicabili sul Web con un solo comando. I dati geografici possono essere pubblicati anche attraverso i protocolli WMS e WFS ertificati da OGC e richiesti dalla direttiva europea INSPIRE.

Puoi esaminare una applicazione WebGIS italiana qui.

Puoi leggere l’articolo sulla versione precedente, Map Server 2013, qui.

Scarica qui Infrastructure Map Server 2014 in italiano

Naturalmente chi è titolare di un contratto di manutenzione (Autodesk Subscription) lo può già scaricare dal portale Subscription qui.

A presto!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2013/05/scarica-infrastructure-map-server-2014-in-italiano/

Ecco la progettazione preliminare BIM

La scorsa settimana ho tenuto il primo evento online di quest’anno, intitolato Velocizza la consegna dei progetti, dove ho presentato la nuova tecnologia BIM per la progettazione preliminare di infrastrutture.

La fase preliminare riveste una importanza strategica nei progetti di infrastrutture.

Come già ti scrivevo, è il momento in cui si prendono le prime decisioni importanti, che daranno l’impronta a tutto il progetto. Occorre quindi, prima di tutto, avere il quadro completo del territorio coinvolto, degli strumenti di pianificazione territoriale e dei vincoli. Ecco la necessità di utilizzare tutti i dati GIS disponibili, grazie anche ad OpenGeoData, ma anche quelli CAD e BIM da Revit, e poi disporre di strumenti che permettono di progettare facilmente ed in 3D, grazie ai modelli intelligenti BIM.

Inoltre la fase preliminare si occupa della valutazione delle alternative, per minimizzare i costi e l’impatto ambientale. Da qui l’utilità di utilizzare un unico modello 3D, sul quale esaminare le diverse alternative, comparandole tra di loro, grazie anche ai primi dati quantitativi. E poi la possibilità di condividere il modello via internet, grazie ad un servizio Cloud, per collaborare a distanza tra progettisti.

Ancora, è proprio nella fase preliminare che è necessario ottenere il consenso, non solo degli enti preposti, ma anche di tutti i portatori di interessi, tra cui sempre di più ci sono gli addetti al settore ed i cittadini residenti. Cosa ne dici della possibilità di creare facilmente filmati e rendering, e perfino di pubblicare in Internet il progetto, grazie ad un servizio Cloud, perchè chiunque sia in grado di visualizzarlo da casa oppure sui dispositivi mobili come i tablet?

Bene, la tecnologia che ho presentato la settimana scorsa permette di dare risposte a tutte queste esigenze.

inoltre, cosa che non guasta, è facile da usare ed è integrata con gli altri strumenti che Autodesk propone per la progettazione di infrastrutture: AutoCAD Map 3D, AutoCAD Civil 3D, 3ds Max design, Navisworks e così via, riuniti tutti nella Infrastructure Design Suite.

Se non hai potuto partecipare all’evento, ora puoi guardare la registrazione, nel momento che preferisci: Accendi le casse del PC per ascoltare l’audio, e buona visione!

Fai clic qui per guardare la registrazione
della Webcast sulla progettazione preliminare BIM 

La registrazione dura poco di più di un’ora, ma puoi muoverti liberamente al suo interno se vuoi concentrarti sulle parti che più ti interessano. Lascia pure un commento a questo articolo per dirmi cosa ne pensi.

Se vuoi approfondire la soluzione BIM per le infrastrutture trovi molto materiale in questo Blog, ti basta scegliere, nella colonna di destra nel riquadro delle etichette, ad esempio BIM per le infrastrutture, piuttosto che Città digitali, oppure Modeler (PS: oppure InfraWorks, il nuovo nome di Modeler dalla versione 2014). Inoltre hai a disposizione il portale Autodesk, dove trovi molti video, risorse, le esperienze dei clienti, e l’e-book interattivo in italiano: www.autodesk.it/transportation.

Buona progettazione preliminare!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2013/03/ecco-la-webcast-progettazione-preliminare-bim_/

La nuova versione di Infrastructure Modeler

Una bella novità.

Autodesk ha appena rilasciato una nuova versione del suo prodotto più recente ed innovativo, Autodesk Infrastructure Modeler, AIM per gli amici.
(PS: ora chiamato InfraWorks, dalla versione 2014).

Caso strano, visto che di solito le nuove versioni vengono rilasciate una volta all’anno, in primavera. Ma evidentemente la tecnologia di questo software cresce impetuosamente… La nuova versione, chiamata 2013 R2, introduce novità molto importanti negli strumenti per creare presentazioni e rendering, nel supporto degli standard e soprattutto nella condivisione dei modelli sul Web e sui dispositivi mobili.

Come ti avevo annunciato qui, AIM è un software GIS tridimensionale, per ricostruire Città Digitali 3D, per poi ambientarvi progetti preliminari, sia di tipo architettonico che di infrastrutture. Ho già scritto molti articoli su questo splendido prodotto:

Bene, dal 4 ottobre gli utenti Autodesk che hanno un contratto di manutenzione attivo (Autodesk Subscription) per Autodesk Infrastructure Modeler 2013, oppure per la Autodesk Infrastructure Design Suite 2013, che lo contiene, possono scaricare qui la versione 2013 R2 (occorre nome e password per accedere).

La nuova versione 2013 R2 introduce numerose novità importanti per presentare i progetti preliminari e produrre presentazioni di ottima qualità:

  • Migliori strumenti per creare filmati: sono stati migliorati gli strumenti per creare percorsi per la telecamera, animazioni che girano attorno al modello e video che mostrano titoli, didascalie, punti di interesse e storyboards, senza dover impiegare software di editing video.
  • Rendering più realistici: nuovi strumenti per il rendering fotorealistico, come il ray trace progressivo (solo per installazioni a 64 bit), modelli più efficaci per il cielo ed il sole, e la possibilità di creare immagini alla risoluzione desiderata.
  • Supporto degli standard aperti: ora è possibile accedere al formato standard CityGML, già utilizzato da molte municipalità in Europa per i dati delle città digitali 3D. CityGML permette di salvare l’intera struttura di una città (compresi modelli dettagliati 3D), formata da strade, reti tecnologiche e coperture in diversi livelli di dettaglio. L’aggiunta del supporto del formato CityGML permette di utilizzare dati molto più dettagliati che in precedenza.
  • Autodesk 360 Infrastructure Modeler per i dispositivi Mobili per condividere su  iPad® i modelli di infrastrutture e le alternative di progetto in ambiente Cloud, grazie ai servizi  Autodesk® BIM 360™. Tutti portatori di interessi possono essere coinvolti in modo facile e distribuito.
  • Autodesk 360 Infrastructure Modeler per il Web – La nuova applicazione Web permette a tutti coloro che non hanno Infrastructure Modeler di visualizzare i modelli di infrastrutture e le alternative di progetto grazie ad un semplice browser. In questo modo è possibile dare la più ampia visibilità alle proposte progettuali.

Per condividere i modelli sui dispositivi mobili e sul Web è necessario avere definito prima un account su Autodesk 360 Infrastructure Modeler. Segui le istruzioni che trovi sul Subscription Center qui per crearlo.

Qui puoi leggere l’annuncio in inglese sul Blog At Land’s End. Infine eccoti qui sotto un primo filmato di presentazione delle novità:

Gli altri filmati sono disponibili qui.

Bene, non resta che provarlo!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2012/10/la-nuova-versione-di-infrastructure-modeler/

Infrastructure Modeler 360

A proposito di quello che ti ho scritto qui.

Buona visione!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2012/07/aim-360/

Nuove estensioni disponibili per AutoCAD Civil 3D

Se sei un fortunato possessore del contratto Subscription per AutoCAD Civil 3D o per la Infrastructure Design Suite (versioni Premium ed Ultimate, che contengono AutoCAD Civil 3D), ora hai a disposizione alcune nuove importanti estensioni e strumenti di produttività per AutoCAD Civil 3D.

Si tratta, tra le altre, di alcune estensioni pubblicate per i test sugli Autodesk Labs, ed ora promosse ad estensioni definitive:

  • Point Cloud Feature Extraction per AutoCAD Civil 3D 2012: permette di estrarre la superficie del terreno e le strade da nuvole di punti rilevate con il laser scanner
  • Bridge Modeler per AutoCAD Civil 3D 2012: permette di progettare ponti, in collaborazione con Revit Structure. Leggi qui il mio articolo di presentazione.
    Novità: da agosto 2012 è disponibile anche la versione per AutoCAD Civil 3D 2013 
  • Corridor Solids per AutoCAD Civil 3D 2012: permette di rendere disponibili i progetti di strade come solidi di AutoCAD. Leggi qui il mio articolo di presentazione
    Novità: da agosto 2012 è disponibile anche la versione per AutoCAD Civil 3D 2013 

Inoltre sono disponibili diversi altri strumenti, tra cui l’estensione GENIO, per per importare ed esportare modelli MOSS® and MXROAD®Leggi qui un articolo interessante al riguardo.

Puoi installare queste estensioni su AutoCAD Civil 3D in qualsiasi lingua, a 32 o 64 bit. Per scaricare le estensioni devi avere disponibili il nome e la password per accedere al Subscription Center.

Fai clic qui per scaricare gli strumenti di produttività per AutoCAD Civil 3D 2013

Fai clic qui per scaricare gli strumenti di produttività per AutoCAD Civil 3D 2012

Oppure, una volta effettuato il login al Subscription Center, nella colonna di sinistra scegli Download e poi Miglioramenti effettuati ai prodotti. Poi, dalla lista dei miglioramenti disponibili scegli Productivity Tools for AutoCAD Civil 3D 2012 o 2013.

Ti ricordo infine che è già disponibile, ormai da un anno, una quarta estensione per AutoCAD Civil 3D 2011 e 2012, chiamata Subassembly Composer, che rende più facile la progettazione di componenti per le sezioni tipo dei modellatori stradali, Te ne avevo parlato qui. La puoi scaricare dal Subscription Center qui.

Nota che questa estensione ora è incorporata in AutoCAD Civil 3D 2013, fai solo attenzione durante l’installazione, perché devi scegliere l’opzione giusta, come vedi nell’immagine qui sopra.

Buone estensioni!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2012/07/nuove-estensioni-disponibili-per-autocad-civil-3d/

AutoCAD Civil 3D 2013 in italiano

E’ già disponibile AutoCAD Civil 3D 2013 in lingua italiana.

I fortunati possessori di un contratto di manutenzione attivo (Autodesk Subscription), lo possono già scaricare dal Subscription Center qui.
Per provarlo, puoi scaricare qui la versione di prova: disponibile in italiano oppure in inglese, a 32 o 64 bit.
Se vuoi conoscere tutte le novità della versione 2013 leggi il mio articolo qui.

PS: Trimble è già pronta per supportarlo, in tutte le lingua, con il suo Trimble Link qui.

Buon divertimento!
GimmiGIS

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2012/05/autocad-civil-3d-2013-in-italiano/