Tag: BIM per Infrastrutture

E’ già disponibile il Country Kit italiano per Autodesk Civil 3D 2020

Questa volta hanno fatto in fretta..

Il Country Kit italiano per Autodesk Civil 3D 2020, fondamentale per utilizzare il software in Italia e per tenere conto delle normative e degli stili locali, è già disponibile qui, a pochi giorni dal rilascio della nuova versione 2020 di Civil 3D.

E’ non è tutto: anche la procedura di installazione ora è molto più semplice.

Il pacchetto del Country Kit, una volta scaricato è auto-installante, è in formato msi. non è più necessario seguire la procedura degli anni scorsi, basta un doppio clic.

Due ottime novità, che ti permettono di utilizzare subito la nuova versione 2020 di Civil 3D, ed approfittare di tutti i suoi miglioramenti, di cui ti ho appena scritto qui.

Ma cosa contiene, esattamente, il Country Kit italiano?

Il Country Kit italiano di Civil 3D introduce strumenti importanti in tre aree differenti:

  • Stili di rappresentazione adeguati ai nostri usi e costumi, per evitare un lungo lavoro di personalizzazione. Basti pensare alle finche per i profili.
  • Componenti e sezioni tipo parametrici, aggiuntivi rispetto alla libreria standard internazionale, sia per avere già pronte le sezioni tipo in base alla norma italiana, sia per mettere a disposizione altri componenti tra i più richiesti.
  • Strumenti per la verifica della normativa stradale italiana secondo il DM 6792 del 5.11.2001.

Per saperne di più, guarda i 3 video Autodesk che mostrano come funziona:

Questo Country Kit italiano per Civil 3D 2020 introduce alcune novità interessanti, a partire dalle richieste dei progettisti:

  • Consolidamento dei criteri di controllo della normativa stradale italiana.
  • Completamento dei controlli della normativa stradale  stradale italiana: verifica della perdita del tracciato.
  • Quotatura automatica con dimensioni lineari in ogni sezione trasversale.
  • Estrazione della tabella relativa alle dimensioni lineari per ciascuna sezione trasversale.

Per maggiori dettagli, leggi qui l’articolo di Salvatore Macrì sul Blog “Dal BIM in poi”

Oltre a quello italiano, sono disponibili i Country Kit di Civil 3D per numerose nazioni, puoi scaricarli liberamente dalla Autodesk Knowledge Network qui.

Se vuoi approfondire puoi leggere:

Buona installazione!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/04/e-gia-disponibile-il-country-kit-italiano-per-autodesk-civil-3d-2020/

Progettazione parametrica di infrastrutture: disponibile Dynamo per Autodesk Civil 3D 2020

Dynamo ora può essere lanciato dall’interno di Civil 3D

Oggi vengono rilasciate le nuove versioni 2020 dei software BIM Autodesk, per ora in lingua inglese. Le versioni in italiano seguiranno tra pochi giorni.

Come immaginerai, ho moltissime cose da raccontarti. Voglio cominciare con quella che secondo me è una novità davvero clamorosa, destinata nei prossimi anni a cambiare molte cose nella progettazione delle infrastrutture:

Dynamo è disponibile per Autodesk Civil 3D 2020.
L’ambiente Open Source, parametrico e visuale, già molto conosciuto in ambito BIM architettonico, perchè finora si è interfacciato direttamente con Autodesk Revit, sono sicuro ci darà molte grandi soddisfazioni.

Gli architetti, appunto, lo conoscono già e lo apprezzano, perchè grazie a Dynamo possono creare applicazioni senza essere programmatori, in un ambiente visuale: sia per creare forme complesse, altrimenti molto difficili, sia per studiare le alternative di progetto in modo molto più facile, sia per automatizzare le operazioni ripetitive.

Penso sia una novità davvero importante, perchè migliora le potenzialità di progettazione BIM per le infrastrutture, e soprattutto la collaborazione tra Civil 3D e Revit, creando un ponte tra BIM verticale e BIM orizzontale.

Ad esempio, con Dynamo puoi leggere le informazioni geometriche dai Modellatori di Civil 3D (che rappresentano strade, ferrovie…) per poi riprodurle in Revit, che non ha gli strumenti nativi per generare le transizioni dei tracciati stradali (clotoidi) piuttosto che la soprelevazione in curva.
E se il modello viene aggiornato in Civil 3D, basta far girare di nuovo lo script di Dynamo…

Attenzione: Dynamo va installato a parte. Dopo aver installato il tuo Autodesk Civil 3D 2020, controlla l’Autodesk App e scegli di installare Dynamo for Autodesk Civil 3D 2020.

Intanto ecco un bel video che mostra quello che si può già fare in campo ferroviario con Dynamo per Civil 3D 2020:

Bene, tornerò sicuramente a parlartene!
Nota che la versione 2020 di Autodesk Civil 3D introduce altre novità che riguardano l’analisi delle reti tecnologiche a gravità, il modulo Storm and Sanitary Analysis, l’interfaccia utente.

Se vuoi approfondire Dynamo per Autodesk Civil 3D, eccoti alcuni riferimenti importanti:

Alla prossima novità 2020, presto su questi schermi!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/04/progettazione-parametrica-di-infrastrutture-disponibile-dynamo-per-autodesk-civil-3d-2020/

Iscriviti al Webinar sulla progettazione BIM dei ponti del 9 aprile

Gli strumenti per la progettazione dei ponti hanno fatto passi da gigante, negli ultimi mesi.

Oggi finalmente hai a disposizione un ambiente BIM realistico, veloce ed intuitivo per studiare le alternative, quantificare i materiali, condividere il progetto con i colleghi e presentarlo ai committenti ed a tutti i portatori di interessi. 

Per questo ti invito ad iscriverti subito al Webinar organizzato dagli amici di Graitec, che terrò martedì aprile a partire dalle ore 15.00.

Continue reading

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/03/iscriviti-al-webinar-sulla-progettazione-bim-dei-ponti-del-9-aprile/

BIM, scelta obbligata e opportunità da cogliere: eventi a Torino e Firenze in aprile

Ricevo e volentieri pubblico l’annuncio degli eventi BIM, organizzati dagli amici di Man and Machine a Torino e Firenze.

La normativa UNI 11337 è arrivata decisamente a un buon grado di maturazione e i presupposti basilari per lavorare secondo il metodo BIM sono fissati. Che lo si voglia, oppure no, il punto adesso non è più scegliere se sia o meno conveniente lavorare secondo metodo BIM, ma a partire da quando.
E questo “a partire da quando” si traduce operativamente in:

  • Acquisire le informazioni dalla normativa UNI 11337 e restare aggiornati.
  • Prepararsi a organizzare una strategia di implementazione BIM.
  • Predisporre la formazione dei ruoli BIM a tutti i livelli: BIM Specialist con Revit per la parte Architettura, o Civil 3D per la parte Infrastrutture, BIM Coordinator, BIM Manager, CDE Manager.
  • Valutare i presupposti per avviare un progetto pilota che possa collaudare i processi definiti.

Come canta Francesco Guccini in Eskimo: “Bisogna saper scegliere in tempo, non arrivarci per contrarietà

Per questo, Man and Machine propone due prime occasioni di incontro a Torino e Firenze, rispettivamente i prossimi giovedì 11 e 18 Aprile.
Gli eventi si svolgeranno nel pomeriggio: l’inizio delle sessioni è fissato dalle ore 15.00 e prevediamo un tempo preventivo dedicato alla registrazione e sistemazione in sala.

A Torino l’evento si svolgerà l’11 aprile presso il Turin Palace Hotel, in via Paolo Sacchi 8.
A Firenze il 18 aprile presso il museo Pecci, molto vicino all’uscita autostradale di Prato Est.

Iscriviti qui all’evento BIM di Torino dell’11 aprile

Iscriviti qui all’evento BIM di Firenze del 18 aprile

Agenda degli incontri:

  • Il primo intervento sarà a cura del Prof. Alberto Pavan del Politecnico di Milano che tratterà il tema della “Normativa Cogente e Volontaria sul BIM“.
  • La seconda parte presenterà come pianificare una strategia di adozione del BIM.
  • Infine saranno presentate le piattaforme Cloud concepite per la collaborazione e la condivisione dei progetti BIM.

Buona partecipazione, alla prossima!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/03/bim-scelta-obbligata-e-opportunita-da-cogliere-eventi-a-torino-e-firenze-in-aprile/

Rapporto OICE sui bandi di gara BIM 2018: grande crescita tra le difficoltà

E’ stato presentato il 14 febbraio a Roma il secondo Rapporto OICE sulle gare pubbliche con richiesta di BIM in Italia, relativo al 2018.

Il rapporto conferma la notevole crescita (219%) delle gare BIM dal punto di vista del numero (4,6% sul totale) e naturalmente nel loro valore (11,4% sul totale dei bandi di gara italiani). Un dato molto interessante, visto l’anno scorso non era ancora in vigore l’obbligo per gli importi più alti, superiori ai 100 milioni di Euro, valido dal primo gennaio di quest’anno, che del resto, nei prossimi anni, andrà a scendere rapidamente fino a zero.

Da notare che il BIM comincia ad essere richiesto dalle agenzie regionali, oltre che dalle stazioni appaltanti nazionali come ANAS, Italferr ed Agenzia del Demanio. Questa “discesa verso il basso” indica un progressivo adeguamento delle stazioni appaltanti alle prescrizioni del Decreto BIM.

Il rapporto OICE sulle gare BIM 2018 è liberamente disponibile qui.

Naturalmente, non sono tutte rose e fiori. Molti sono gli ostacoli che devono affrontare le stazioni appaltanti, i progettisti e le imprese per percorrere la strada dell’innovazione: e come sai, a me sta particolarmente a cuore il settore delle infrastrutture, il primo ad essere coinvolto dall’obbligo del BIM.

Leggi qui la mia riflessione sulle difficoltà di fronte al BIM.

Intanto, buona lettura… Alla prossima!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/03/rapporto-oice-sui-bandi-di-gara-bim-2018/

Progettazione BIM di infrastrutture: iscriviti al Webinar Graitec del 19 marzo


Martedì 19 marzo dalle 15.00, terrò una Webinar per conto di Graitec sul BIM per le infrastrutture, dedicato in particolare al ruolo sempre più importante di Autodesk InfraWorks nella fase concettuale e preliminare.

Come sai, seguo con passione la veloce crescita di questo software innovativo,aggiornato pochi giorni fa, che permette di unire dati CAD, GIS e BIM per la fase più delicata ed importante della progettazione BIM, quella del piano di fattibilità.

Clic qui per iscriverti gratuitamente

Altri Webinar molto interessanti, tutti al martedì pomeriggio dalle 15.00, sono disponibili a questo link.

Se ancora non conosci InfraWorks, oppure già ti interessa e vuoi approfondire la sua conoscenza,avrai modo di vedere in che modo puoi costruire velocemente il contesto territoriale 3D, e poi al suo interno progettare strade, ferrovie, ponti e tunnel, confrontando più alternative, ottenendo subito i dati quantitativi, presentando l’idea progettuale con immagini, video e perfino pubblicando su internet il modello.

E poi, una volta superato il piano di fattibilità, nulla va perduto: tutti i modelli possono essere riutilizzati in Civil 3D, Revit e Navisworks per le fasi di produzione della documentazione definitiva ed esecutiva e per il cantiere.

Bene, ti aspettiamo il 19 marzo alle 15.00 qui

A presto!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/03/progettazione-bim-di-infrastrutture-iscriviti-al-webinar-graitec-del-19-marzo/

Progettazione BIM di ponti: guarda il Webinar NKE registrato

Ieri il Webinar dedicato alla progettazione BIM dei ponti organizzato da NKE è andato molto bene.

Moltissimi partecipanti, numerose domande interessanti al termine, perfino messaggi di complimenti inviati attraverso i Social al sottoscritto. Grazie, grazie davvero, è un’onore per me essere di aiuto nell’adozione delle nuove tecnologie.

Gli amici di NKE hanno già reso disponibile su YouTube la registrazione del Webinar, ho pensato utile condividerla qui sopra.

Buona visione!
Giovanni

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/02/progettazione-bim-di-ponti-guarda-il-webinar-nke-registrato/

Progettazione concettuale di infrastrutture BIM: la tecnologia avanza senza soste


Uso di superfici multiple con Autodesk InfraWorks 2019.3

Questa non me la aspettavo. 

Sinceramente, ero convinto che le prossime novità di InfraWorks sarebbero state rilasciate con le nuove versioni 2020 dei software Autodesk, che tradizionalmente vengono rilasciate tra marzo ed aprile.

Invece la tecnologia cresce in modo così impetuoso, da rendere necessario il rilascio di un nuovo aggiornamento già in questi giorni: il 2019.3. Fermo restando che tra un paio di mesi avremo la nuova versione 2020.

Le novità principali dell’aggiornamento sono:

Continue reading

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/02/progettazione-concettuale-di-infrastrutture-bim-la-tecnologia-avanza-senza-soste/

Progettazione BIM di ponti: iscriviti al Webinar NKE del 26 febbraio

Bene, eccomi ad invitarti ad un evento importante: si tratta del primo Webinar italiano dedicato alla progettazione BIM di ponti: organizzato dagli amici di NKE, lo terrò martedì 26 febbraio a partire dalle 11.00, durerà circa un’ora.

Il video qui sopra ne anticipa i contenuti: vedere all’opera la soluzione BIM completa, integrata ed innovativa, che va dal piano di fattibilità in un contesto realistico 3D alla progettazione definitiva ed esecutiva grazie ad Autodesk InfraWorks,  Autodesk Revit, Autodesk Civil 3D e, grande novità, Autodesk Inventor per la creazione della parti parametriche come pile e travi.

Iscriviti subito qui, la partecipazione è gratuita ma i posti sono limitati

La tecnologia in questo campo ha fatto passi da gigante, vale davvero la pena aggiornarsi comodamente dal proprio ufficio: basta un clic.

Ti aspettiamo!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/02/progettazione-bim-di-ponti-iscriviti-al-webinar-nke-del-26-febbraio/

Guarire le infrastrutture italiane: seminario a Roma il 27 febbraio

Oggi voglio informarti di un bell’evento dedicato alle infrastrutture.

Organizzato da Anceferr e patrocinato da OICE, vede tra gli sponsor gli amici di Systema.
Si intitola “Ambiente, Risparmio, Sicurezza, Sviluppo. Guarire le infrastrutture italiane” e si  terrà a Roma il prossimo 27 febbraio.

Leggi qui per maggiori dettagli

L’evento ha come tema principale la cura delle infrastrutture: sono diversi i fattori che concorrono a ridurne la vita tecnica – dissesto idrogeologico, cattivo uso e pianificazione dell’utilizzo territoriale, la mancata manutenzione dei manufatti. Continue reading

Permanent link to this article: http://www.gisinfrastrutture.it/2019/02/guarire-le-infrastrutture-italiane-seminario-a-roma-il-27-febbraio/

Load more