Tag: Recap Pro

Rilievo integrato con drone, GPS, stazione totale e laser scanner per la progettazione BIM

Prosegue la pubblicazione di articoli gentilmente proposti dai rivenditori del canale Autodesk.
Oggi Umberto Pavanello di Orienta+Trium ci illustra un percorso di rilievo integrato, con l’utilizzo di drone, GPS, stazione totale e laser scanner, ed il suo utilizzo nell’ambito della soluzione Autodesk con Civil 3D, InfraWorks, Recap Pro, Revit, Navisworks, grazie anche agli strumenti ed ai software messi a disposizione da Leica Geosystems

Punto di partenza di qualsiasi progettazione è la conoscenza del sito su cui si svilupperà il progetto, sia questo infrastrutturale che architettonico.

Si parte quindi da quello che è il rilievo topografico, dove “Topos” o luogo e “grafia” o scrivere, identificano la scienza che ha per scopo la determinazione e la rappresentazione metrica, attraverso il disegno, della superficie terrestre.

Negli ultimi anni, in questo campo, siamo stati testimoni di un forte sviluppo tecnologico per quanto concerne la parte hardware e software, che ha supportato fortemente l’introduzione della metodologia BIM, sia per quanto riguarda l’importanza di misure precise e tridimensionali, sia per quanto riguarda la collaborazione tra software e tra professionisti.

Si pensi al sistema di misura GPS, progetto sviluppato a partire dal 1973 e diventato pienamente operativo nel 1994, che ha cambiato l’operatività e quindi la produttività del rilievo stesso, o al laser scanner 3D che fece i suoi primi passi a partire dalla fine degli anni ‘50 per arrivare ad un prodotto rivolto al mercato topografico alla fine degli anni ’90. Ad oggi, i sistemi di scansione permettono di acquisire una nuvola di punti 3D a 360° sull’azimutale e 300° sullo zenitale, con panoramica di foto 3D in HDR in soli 2’30”, generando l’unione delle scansioni, in automatico, già in campagna.

Per non parlare delle stazioni totali integrate con distanziometro, o ai voli LiDAR per l’acquisizione di dati da volo aereo, o ancora le ultime applicazioni sempre in ambito fotogrammetrico attraverso l’utilizzo dei droni.

Ma cosa ha aiutato davvero l’evoluzione di questi sistemi innovativi? Sicuramente la componente software, sempre più intuitiva e di facile utilizzo, per la velocità e la precisione nell’acquisizione dei dati di rilievo e la possibilità di lavorare in sicurezza. Quello che davvero oggi fa la differenza è l’integrazione tra i differenti software, in un flusso di lavoro organico e coordinato. In questo articolo mostreremo l’integrazione tra ambiente Autodesk e Leica Geosystems.

Parlando quindi di rilievo integrato ed interoperabilità, proviamo ad analizzare un’esperienza reale, dove la richiesta da parte del committente era quella di avere il rilievo dello stato di fatto di uno dei suoi siti produttivi, al fine di creare un modello digitale dello stesso, per una ri-progettazione attraverso la metodologia BIM.

Vediamo allora le fasi operative

Schema di flusso del rilievo integrato

La prima fase del rilievo ha previsto la materializzazione di una rete di punti di coordinate note (vertici di poligonale) su cui appoggiare la topografia di base, realizzata con stazione totale TPS, per determinare le coordinate dei target verticali, per la georeferenziazione e il controllo del modello 3D a nuvola di punti, derivante dalla scansione laser 3D.

Contestualmente il rilievo fatto attraverso un sistema GNSS (GPS rover RTK), ha permesso di determinare dei punti di controllo a terra per il volo fatto con il drone. Il dato così acquisito ha rappresentato la base di partenza per la successiva fase di studio e generazione del modello digitale 3D, divenendo a sua volta punto di partenza per la progettazione e il riassetto dell’edificio produttivo.

1. Processamento del dato topografico

Dato fotogrammetrico (volo con il drone) e topografico: grazie al software Leica Infinity si è proceduto alla sua gestione: generazione della nuvola di punti e dell’ortofoto del sito, comprensivo delle viabilità e dei confini della proprietà. Dalla nuvola, utilizzando Autodesk InfraWorks è stato calcolato il modello matematico del terreno (DTM), che è stato trasmesso ad Autodesk Civil 3D per la gestione successiva.

Nuvola di punti da laser scanner terrestre: grazie al software Leica Cyclone Register 360 si è ottenuta la sua ottimizzazione e l’esportazione nel formato E57, successivamente gestita attraverso Autodesk Recap Pro.

Topografia e nuvole di punti in Leica Infinity e Cyclone Register 360

2. Gestione del dato di rilievo

Le nuvole di punti da drone e da laser scanner sono state trattate con Autodesk Recap Pro per la creazione di piani e regioni, la loro zonizzazione, l’indicizzazione e l’esportazione in formato RCP/RCS per permetterne l’utilizzo nativo da parte dei software Autodesk: InfraWorks, Civil 3D, Revit, NavisWorks.

In Autodesk InfraWorks, come si diceva, la nuvola di punti è stata utilizzata per generare il modello matematico del terreno (DTM) che è stato gestito successivamente grazie ad Autodesk Civil 3D per la modellazione dello spazio urbano, al fine di contestualizzare il modello derivante da Autodesk Revit.

I modelli in Autodesk Recap Pro e InfraWorks

Autodesk Civil 3D inoltre ha importato da InfraWorks le strade e le condotte che erano state modellate in base al rilievo. Contestualmente la superficie topografica di Civil 3D è stata condivisa nella piattaforma collaborativa cloud Autodesk BIM 360 per permettere ad Autodesk Revit di utilizzarla in maniera dinamica come base per la progettazione.

Autodesk Revit, utilizzando la base topografica e le nuvole di punti si è occupato della ri-progettazione architettonica, strutturale e impiantistica.

I modelli in Autodesk Civil 3D e Revit

Infine Autodesk Navisworks è stato utilizzato per confrontare la nuvola di punti con il modello BIM progettato con Revit, per verificare la qualità e la bontà del dato restituito. In questa fase è possibile utilizzare anche l’analisi delle interferenze (clash detection), ad esempio tra nuvola di punti e modello.

3. Conclusioni

Parlando di rilievo integrato, alla luce dell’esperienza descritta, si può sostenere che l’utilizzo di più tecnologie per l’acquisizione del dato rappresenti il modo più corretto per la gestione di un progetto di rilievo.

Alla stessa stregua, l’interoperabilità dei diversi software Leica ed Autodesk, che consentono il passaggio dei dati in modo bi-direzionale da una piattaforma all’altra, comporta la massima produttività ed il pieno controllo sui dati stessi.

Umberto Pavanello
AEC Application Engineer
umberto.pavanello@orientatrium.it
Leica Geosystems Reality Capture
Specialist

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2020/09/rilievo-integrato-con-drone-gps-stazione-totale-e-laser-scanner-per-la-progettazione-bim/

Dal rilievo digitale allo Scan2BIM: seminario gratuito a Padova rimandato a data da definire

Visto lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario e le recenti disposizioni atte ad impedire la diffusione del virus COVID-19 siamo costretti a comunicare l’annullamento del seminario gratuito “Dal Rilievo Topografico allo Scan-to-BIM” del 19 marzo p.v. . Sarà nostra cura darvi comunicazione della futura riprogrammazione dell’evento o di una modalità alternativa di partecipazione.

Vi teniamo informati
Giovanni Perego

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2020/02/dal-rilievo-digitale-allo-scan2bim-seminario-gratuito-a-padova-il-19-marzo/

La gestione delle nuvole di punti con i software Autodesk: iscriviti alla Webcast del 9 aprile


Ricevo e pubblico volentieri l’annuncio di una Webcast molto interessante, organizzata dagli amici di Orienta+Trium per il 9 aprile alle 15.30.

Il tema è quello della gestione di nuvole di punti da laser scanner in tutti i software della soluzione AEC di Autodesk. Ecco l’agenda, davvero completa:

  • Autodesk Recap Pro: come avviene l’unione e la georeferenziazione della nuvola di punti, brevi cenni sugli strumenti disponibili: piano, fence e regioni.
  • Autodesk InfraWorks:  generazione del Modello Digitale del Terreno (DTM) da nuvola di punti, brevi cenni sull’estrazione di oggetti dalla nuvola
  • Autodesk Civil 3D:  generazione del Modello Digitale del Terreno (DTM) da nuvola di punti, cenni sulla creazione delle linee caratteristiche su nuvola, condivisione con Revit della Superficie Topografica del terreno grazie alla piattaforma BIM 360.
  • Autodesk Revit: Condivisione della Superficie Topografica di Civil 3D attraverso la piattaforma BIM 360, modellazione architettonica sulla stessa.
  • AutoCAD:  generazione automatica di una sezione, cenni sugli strumenti di lavoro: estrazione linea / punto / asse.
  • Autodesk Navisworks: sovrapposizione nuvola e modello, Clash Detection.

Cosa aspetti? Il 9 aprile alle 15.30 hai una’ottima occasione di aggiornamento: la partecipazione è gratuita ma i posti sono limitati.

Fai clic qui per andare alla pagina di iscrizione
agli eventi di Orienta+Trium

Buona partecipazione!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2019/03/la-gestione-delle-nuvole-di-punti-con-i-software-autodesk-iscriviti-alla-webcast-del-9-aprile/

Jedi Campus a Milano: catturare la realtà in 3D

Pochi giorni fa, ho avuto di nuovo l’occasione di tenere a Milano la sessione Autodesk dello Jedi Campus, organizzato da Nuvolaverde, nell’ambito delle iniziative di Alternanza Scuola/Lavoro.

Il tema della sessione è stato “catturare la realtà” e naturalmente abbiamo utilizzato il fantastico Recap Photo, già noto come Remake, ora un modulo di Autodesk Recap Pro il cui nome sta proprio per Reality Capture.

In breve tempo, i giovani Jedi hanno catturato un oggetto fotografandolo con i loro cellulari: le foto digitali, caricate nel fantastico servizio Cloud di Recap Photo ne hanno restituito il modello 3D, completo di mesh e texture.  Eccoti un esempio qui sotto, lo puoi guardare dal vivo qui.

Naturalmente, abbiamo poi visto gli strumenti di Recap Photo per l’editing dei modelli e l’esportazione nei vari formati 3D per l’utilizzo in altri software, per la progettazione, i giochi, la stampa 3D piuttosto che applicazioni di Realtà Aumentata e Realtà Virtuale.

Anche la digitalizzazione e la tutela del patrimonio storico è una della applicazioni più interessanti di questa tecnologia: leggi qui le esperienze sul Barocco Italiano, in Siria, ed a Volterra.

Grazie ad Autodesk ed a Nuvolaverde e grazie a tutti gli Jedi, che sono stati molto bravi, naturalmente.

Alla prossima!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2019/02/jedi-campus-a-milano-catturare-la-realta-in-3d/

Seminario BIM a Padova il 4 dicembre: flussi di lavoro per Civil 3D, InfraWorks e Revit

Eccomi ad annunciarti un seminario BIM per le infrastrutture molto interessante, proposto dagli amici di Orienta+Trium presso la loro sede di Limena, vicino a Padova il 4 dicembre.

Il seminario tratterà i flussi di lavoro tra tutti i principali software della soluzione BIM Autodesk,  come Civil 3D, Infraworks e Revit, senza dimenticare il contributo di Recap Pro e BIM 360 nella progettazione stradale e di ponti…  Continue reading

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2018/11/seminario-bim-a-padova-il-4-dicembre-flussi-di-lavoro-per-civil-3d-infraworks-e-revit/

Master BIM a Potenza

Tutta questa settimana sono stato impegnato a Potenza, per il Master “BIM e Digital Earth per ingegneria ed architettura organizzato da Philoikos ed Anafyo.

Bello, ed anche un po’ impegnativo, avere cinque giornate piene e consecutive a disposizione per approfondire con i partecipanti tutti gli aspetti dei software BIM di progettazione per le infrastrutture!

Abbiamo ricostruito il contesto 3D con Map 3D, Civil 3D Recap Pro e poi con il magnifico InfraWorks, per poi progettare strade con InfraWorks e Civil 3D. Una bella passeggiata 🙂

Grazie ai partecipanti, che sono stati davvero attenti e partecipativi: Carmen, Francesca, Manuel, Delfina, Maria, Miriam e Vincenzo, che molto gentilmente si è prestato ad accompagnarmi.

In bocca al lupo, alla prossima!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2018/10/master-bim-a-potenza/

Seminario BIM e Scan2BIM a Verona

Eccoti un evento molto interessante, che si propone di approfondire un tema è di grande attualità: le nuove tecnologie di rilievo sono fondamentali, perchè permettono di ricostruire in modo veloce e preciso il modello 3D dell’esistente, indispensabile per la progettazione BIM sia di tipo architettonico che infrastrutturale.

Organizzato dagli amici di Orienta+Trium insieme ad ANCE di Verona, si terrà mercoledì 6 giugno dalle 14.30 alle 18.30 presso la sala Convegni di Via Santa Teresa, 12 a Verona.

Il seminario presenterà il flusso di lavoro della tecnologia Laser Scanner BLK 360 ed i vari campi di utilizzo del prodotto. Inoltre verrà mostrata l’acquisizione e gestione del dato attraverso il software Recap Pro for Mobile e l’elaborazione del dato di rilievo – attraverso il software Autodesk Recap Pro – e il suo utilizzo attraverso software come AutoCAD, Revit, Navisworks, Civil 3D.

La partecipazione è gratuita ma è richiesta l’iscrizione:

Fai clic qui per l’iscrizione ed i dettagli

A proposito di BIM, Orienta+Trium organizza anche corsi di Revit ed altri software Autodesk: leggi l’elenco qui.

Buona partecipazione!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2018/05/seminario-bim-e-scan2bim-a-verona/

Dal rilievo al modello BIM: evento a Roma

Ricevo e pubblico volentieri l’annuncio di un evento molto interessante, che si terrà il 12 aprile a Roma.

Organizzato dagli amici di Graitec, in collaborazione con GeoMax, FIDIA e Caprioli Solutions, si propone di approfondire un tema è di grande attualità: le nuove tecnologie di rilievo sono fondamentali, perchè permettono di ricostruire in modo veloce e preciso il modello 3D dell’esistente, ormai indispensabile per la progettazione BIM.

l Workshop ha l’obiettivo di mostrare gli strumenti e le procedure più avanzate per la progettazione architettonica, dal rilievo con nuvole di punti alla visualizzazione virtuale del progetto, approfondendo gli aspetti tecnici che le nuove tecnologie di rappresentazione digitale vengono oggi offerte. La partecipazione è gratuita previa iscrizione:

Iscriviti qui al Workshop di Roma: “Dal rilievo al modello BIM”

Continue reading

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2018/04/dal-rilievo-al-modello-bim-evento-a-roma/

Catturare la realtà: il caso di una diga

Glen Canyon Dam, Lake Powell, Page, Arizona

Come ti ho spiegato qui, la soluzione Autodesk per catturare la realtà cresce velocemente.

L’ultima novità sta nell’incorporazione di quello che era Autodesk Remake in Autodesk Recap Pro. Per capire meglio cosa significa, eccoti un ottimo esempio: il modello della diga del Glen Canyon, ricostruito a partire dal volo di un UAV/SAPR, volgarmente detto drone.

Un modello 3D di questo tipo rappresenta la base indispensabile per qualsiasi progettazione BIM: la buona notizia è che ora i tempi ed i costi sono molto inferiori.

Per approfondire guarda il video qui sotto, oppure  leggi:

Buon rilievo!
Giovanni Perego

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2017/10/catturare-la-realta-il-caso-di-una-diga/

Autodesk semplifica la soluzione per catturare la realtà e ricostruire il contesto 3D

Ti ricordi Autodesk Remake, il fantastico software per ricostruire la realtà a partire dalle foto digitali?

Te lo avevo descritto qui, ed in seguito ho avuto modo di sperimentarlo ed insegnarlo ai giovani Jedi in un laboratorio per la tutela del patrimonio storico ed artistico.

Bene, qualche giorno fa Autodesk ha annunciato che Autodesk Remake viene sostituito da Autodesk Recap Photo, un componente di Autodesk Recap Pro. Che quindi diviene ancora più utile ed efficace per catturare il contesto 3D per la progettazione BIM. Ed è compreso nella Autodesk AEC Collection.

Vediamo cosa significa questa novità nei dettagli… Continue reading

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2017/09/autodesk-semplifica-soluzione-per-catturare-la-realta/