Non solo AutoCAD Civil 3D: ecco i moduli aggiuntivi

 

NB: Post aggiornato l’11 settembre 2018.

AutoCAD Civil 3D, da molti anni, rappresenta la soluzione più avanzata, articolata e potente per la progettazione BIM delle infrastrutture, come strade, ferrovie, reti di condotte a gravità ed in pressione. Questo perchè:

  • Gode della base CAD più utilizzata al mondo, quella di AutoCAD
  • Approfitta delle funzionalità GIS  perchè contiene al suo interno AutoCAD Map 3D
  • Mette a disposizione i modelli intelligenti 3D per la progettazione BIM
  • Interagisce direttamente con diversi altri software Autodesk, come InfraWorks, Revit e Navisworks.

Ma non è finita qui.

AutoCAD Civil 3D dispone da alcuni anni di numerosi moduli aggiuntivi, per la progettazione dei ponti e delle ferrovie, l’analisi delle reti di condotte, fognature e reti di drenaggio, l’analisi fluviale e geotecnica, la personalizzazione dei modelli intelligenti, lo studio dell’ingombro stradale dei mezzi pesanti e la progettazione dei parcheggi,  l’interazione con 3ds Max, la gestione delle cartografie raster, comprese le ortofoto ed i modelli digitali di elevazione…

Bene, vediamoli con ordine.

Due moduli vengono messi a disposizione direttamente nell’installazione di AutoCAD Civil 3D.
Però fai attenzione: devi attivare l’apposita opzione. Maggiori informazioni qui.

SSA2016-SplashScreen

Altri moduli invece vengono messi a disposizione all’interno del contratto di licenza oppure di manutenzione ed aggiornamento, Autodesk Subscription, per AutoCAD Civil 3D, oppure per i pacchetti Design Suite Premium, Design Suite Ultimate ed AEC Collection, che lo contengono. Potrai scaricarli grazie alla Autodesk App, oppure dal portale dedicato Autodesk Account, scegliendo Miglioramenti dei prodotti.

Ecco i moduli disponibili:

  • Autodesk Geotechnical Module: permette la restituzione dei sondaggi geologici e l’analisi geotecnica del terreno per ricostruire la stratigrafia e renderla visibile nei profili. Per ogni strato viene generata una apposita Superficie di Civil 3D, quindi è possibile calcolare facilmente anche i volumi di scavo per  i diversi materiali.
    Leggi qui l’articolo
    Guarda il video YouTube
  • Autodesk Civil Engineer Data Translator: non è un modulo vero e proprio, bensì un servizio cloud, ma è molto importante per lo scambio dei dati intelligenti con i software Bentley di progettazione civile. Per scaricarlo scegli i Productivity Tools per AutoCAD Civil 3D. Leggi qui l’articolo che ho dedicato a questa utilità, che ho avuto modo di provare sul campo.
  • Autodesk Bridge Module:
    PS: questo modulo non verrà rilasciato per la versione 2019 di Civil 3D e quelle successive.
    La procedura per i ponti ora prevede la progettazione preliminare con InfraWorks e l’interscambio con Civil 3D e Revit, ed è molto migliore.

    Disponibile dalla versione 2014 alla 2018 di Civil 3D, si occupa della progettazione dei ponti,  in collaborazione con Revit Structure. Già all’interno dell’interfaccia di AutoCAD Civil 3D è possibile definire le scelte di dettaglio per le pile, le travi, gli appoggi e così via. Il ponte, una volta generato, può essere passato direttamente a Revit Structure, per la progettazione esecutiva. Le eventuali modifiche fatte con Revit Structure possono essere trasferite automaticamente a Civil 3D. Questo sì che è BIM.
    Leggi qui l’articolo
    Guarda il video YouTube
  • Autodesk Rail Layout Module:
    PS: il rilascio di Autodesk Civil 3D 2019.1 in agosto del 2018, ha migliorato ed integrato gli strumenti per la progettazione ferroviaria: leggi tutti i dettagli qui.
    Per le versioni precedenti: dedicato alla progettazione tracciati ferroviari, in particolare gestisce i tracciati ed offre un catalogo di scambi ferroviari. Disponibile dalla versione 2014, lo trovi all’interno dei Productivity Tools per AutoCAD Civil 3D fino alla versione 2015, poi all’interno del Productivity Pack 1 per AutoCAD 2016 oppure negli Update delle versioni successive.
  • Autodesk Extension for Civil View:
    PS: integrato in Civil 3D. Per le versioni precedenti:
    facilita il trasferimento dei modelli stradali a 3ds Max ed offre oggetti di vestizione parametrici, per creare rendering ed animazioni della massima qualità. Disponibile dalla versione 2013, per scaricarlo scegli i Productivity Tools per AutoCAD Civil 3D.

E fino a qui i moduli sono compresi nella licenza di AutoCAD Civil 3D.

Ma non è finita: puoi arricchirlo acquistando altri due moduli, oppure, molto meglio, passando alla AEC Collection.

AutoCAD Raster Design è un glorioso prodotto con molti anni alle spalle. Già noto come CAD Overlay, e pur essendo di fatto fermo da alcuni anni, mette a disposizione dei comandi formidabili per modificare dati raster: dalle mappe catastali alle carte tecniche regionali, dalle ortofoto alle immagini satellitari, fino ai modelli digitali di elevazione (DEM). E’ disponibile anche in italiano.
Leggi qui l’articolo che ho scritto per descriverlo.

vehicle-tracking-2016-badge-256px

Autodesk Vehicle Tracking, infine, è molto interessante. Per gli amici AVT, permette l’analisi e la progettazione BIM di strade, rotatorie, intersezioni, parcheggi, metropolitane leggere ed aeroporti. E’ disponibile anche in italiano.

Leggi qui l’articolo di presentazione
Leggi qui l’articolo sulla progettazione di rotatorie stradali con AVT (ora anche con Civil 3D)
Guarda qui come può essere impiegato per il calcolo di ingombro di mezzi pesanti

Infine, per una corretta installazione e manutenzione di Autodesk Civil 3D e dei moduli aggiuntivi, leggi tutti i miei consigli qui.

Bene, ora è tutto, ma direi che non è poco!

PS: Post aggiornato l’11 settembre 2018.

Alla prossima…
GimmiGIS

Permanent link to this article: https://www.gisinfrastrutture.it/2015/07/non-solo-autocad-civil-3d-ecco-tutti-i-moduli-aggiuntivi/