Lug 16 2018

Nuovo manuale Autodesk di IFC per Revit

Il formato IFC, la sigla sta per Industry Foundation Class, è fondamentale per garantire l’interoperabilità dei dati nei progetti BIM, perchè e un formato indipendente dalla piattaforma software utilizzata.

Viene sviluppato da buildingSMART international, di cui Autodesk è stata tra i fondatori: tutti i suoi software BIM sono quindi certificati in importazione ed esportazione, compresi Revit, Civil 3D, InfraWorks, Navisworks, BIM 360.

Autodesk è quindi una fonte molto autorevole quando rilascia della documentazione su IFC. Puoi quindi approfittare del nuovo manuale di Revit per IFC che puoi scaricare liberamente qui, per ora in inglese, ma seguirà la versione in italiano.

Per approfondimenti puoi leggere il post di Emmanuel di Giacomo qui.

Grazie Emmanuel e buona lettura a tutti
Giovanni Perego

Lug 08 2018

Il geoportale catastale, finalmente!

Finalmente è disponibile il Geoportale cartografico catastale italiano.

Lo aspettavamo fin dai tempi in cui mostravo il fulgido esempio del catasto russo nel 2011 🙂

Del resto, che qualcosa si stesse muovendo lo avevamo notato alla fine dell’anno scorso quando l’Agenzia per le Entrate ha messo a disposizione la cartografia catastale attraverso il servizio WMS. Con una licenza d’uso troppo restrittiva, ma a quello potranno rimediare in futuro, appena avranno capito cos’è veramente INSPIRE, per esempio… 🙂

Sono lieto quindi di riprendere la buona abitudine di recensire i Geoportali italiani: leggi qui le mie recensioni precedenti oppure procedi nella lettura… Leggi il resto »

Lug 04 2018

Segui la NKE University registrata online

Ti sei perso la NKE University?

L’evento online del 28 giugno, dedicato all’approfondimento delle soluzioni Autodesk per il mondo AEC (Architecture, Engineering, Construction) quindi per l’architettura e le infrastrutture?
Ora puoi seguirne liberamente tutti i contenuti registrati online.

Trovi numerosi sessioni, realizzate da alcuni tra i migliori tecnici AEC italiani e dedicate a:

  • Autodesk Civil 3D
  • Autodesk InfraWorks
  • Autodesk Revit
  • Autodesk Dynamo
  • Autodesk Navisworks
  • Autodesk 3ds Max & Arnold
  • Autodesk BIM 360
  • Altre sessioni ancora sono disponibili di ambiente meccanico.

Naturalmente ti ricordo che tutti questi software AEC, e molti altri ancora, sono contenuti nella Autodesk AEC Collection.

Fai clic qui per seguire gli interventi registrati di NKE University

Complimenti agli amici di NKE!
Buona visione e buon ascolto.
Giovanni Perego

Lug 02 2018

Italferr: risultati importanti in campo BIM e GIS

Come sai, Italferr sta diventando un attore di primaria importanza in campo BIM, sia in Italia che nel mondo, ed è giustamente attiva nel presentare i suoi risultati in questo campo.

Ho avuto il pacere di collaborare con Italferr per un progetto pilota BIM, trovando un’azienda votata all’innovazione, da allora seguo con molto interesse le sue novità: solo negli ultimi mesi sono da notare la collaborazione nella redazione del manuale BIM europeo per la Pubblica Amministrazione, la certificazione del sistema di gestione BIM, la presentazione dei primi risultati di integrazione tra GIS e BIM.

A questo proposito, ti segnalo un bel video, che ho incorporato qui sotto, sull’integrazione tra questi due mondi: come ho sempre sostenuto, la creazione di modelli del territorio in 3D a partire dai dati cartografici e GIS è di grande importanza nel supportare l’analisi, la progettazione e la costruzione BIM di infrastrutture.

Anche per questo, i più attenti tra voi si saranno accorti che ho reintrodotto il termine GIS nel titolo e nella grafica di questo Blog 🙂

Infine ti segnalo che pochi giorni fa, durante il Terzo Forum Internazionale BIM, organizzato da OICE a Roma, Italferr ha presentato il primo libro bianco sul BIM: il titolo completo è  “Innovare per Progettare il Futuro – Primo Libro Bianco sul Building Information Modeling 2018”: un racconto a più voci con l’intento di raccontare l’esperienza maturata nel tempo dall’azienda, e di rappresentare da una parte uno spunto per analizzare lo stato dell’arte dei BIM in Italia, e dall’altra uno stimolo per tutti coloro che vogliono approfondire il Building Information Modeling.

Complimenti ad Italferr: continuate così.
Giovanni Perego

Giu 28 2018

Webcast sul BIM per le infrastrutture il 24 luglio

Eccomi ad invitarti ad una Webcast BIM per le infrastrutture che mi vede direttamente coinvolto come presentatore, organizzata dagli amici di Graitec il 24 luglio nel pomeriggio, per presentare uno dei due pilastri fondamentali della soluzione BIM per le infrastrutture: Autodesk InfraWorks.

Come sai, mi sono appassionato ad InfraWorks dalla sua nascita(a dire la verità anche prima, quando aveva un altro nome) ed ho seguito da vicino la sua straordinaria crescita, perchè penso che la sua tecnologia sia destinata a trasformare profondamente, in meglio, il modo in cui si progettano le infrastrutture: soprattutto nella parte preliminare, quella del piano di fattibilità, che è quella in cui vengono prese le decisioni più importanti.

Autodesk InfraWorks infatti ti permette di prendere decisioni in un contesto tridimensionale realistico, ottenuto da dati GIS e cartografici, da rilievi oppure da uno splendido servizio cloud. Fornisce strumenti BIM semplici ed efficaci per l’analisi territoriale, la progettazione preliminare, il confronto fra alternative, la creazione di video e la pubblicazione sul web per il dibattito pubblico, ed è perfettamente integrato nella soluzione Autodesk, dialogando con Civil 3D e Revit.

Durante la Webcast, che durerà al massimo un’ora, ti presenterò una panoramica sul BIM per le infrastrutture e qual’è il ruolo di InfraWorks all’interno della soluzione complessiva, per poi mostrarti nei dettagli la facilità con cui puoi creare modelli 3D, usando ad esempio dati geografici italiani, oppure il fantastico servizio Cloud che ti permette di ottenere in pochi minuti modelli di tutto il mondo senza muoverti dall’ufficio, per poi passare alla progettazione di una strada: tracciato, profilo, ponti e gallerie, non ci faremo mancare nulla. Infine vedrai come creare facilmente video di presentazione e pubblicare sul Web il modello perchè chiunque lo possa analizzare, e come passare tutte le informazioni preliminari a Civil 3D ed a Revit per la progettazione definitiva ed esecutiva.

Cosa vuoi di più? 🙂
Prima di rilassarti per le vacanze, dedica ancora un’oretta alla tua formazione continua. la partecipazione è gratuita:

Iscriviti subito qui alla Webcast del 24 luglio alle 15.00
sul BIM per le Infrastrutture ed Autodesk InfraWorks

Ti aspetto!
Giovanni Perego

Giu 27 2018

Progettazione BIM di tunnel per le metropolitane con Civil 3D

Questo articolo ha un titolo molto simile a questo mio di dicembre dell’anno scorso, ma la procedura che ti sto presentando oggi è differente perchè si basa su Civil 3D.

Si tratta di una nuova procedura sviluppata dall’ottimo Santi Sarica, per progettare tunnel prefabbricati per le metropolitane utilizzando Civil 3D. Lascio a lui la parola:

In qualità di BIM Infrastructure Technical Specialist, una delle mie attività è quella di aiutare i progettisti nell’individuare workflow efficaci nella realizzazione dei loro modelli 3D durante la stesura di progetti infrastrutturali.

In questo caso specifico vi è stata la necessità di di trovare un metodo efficace per la modellazione di anelli in calcestruzzo prefabbricati per il rivestimento interno di tunnel da realizzare, ad esempio, con l’uso delle TBM (Tunnel Boring Machine).

Con l’ausilio di Subassembly Composer è stato realizzato un componente (Subassembly) specifico da utilizzare in una sezione tipologica (Assembly) in Civil 3D.

Successivamente, la realizzazione di una procedura ad-hoc interna allo stesso Civil 3D  nella creazione del modellatore ha prodotto il seguente, e soddisfacente, risultato mostrato nel video.

Ecco il video che illustra la procedura:

Se vuoi approfondire:

Complimenti davvero Santi!
Un altro mattone nella costruzione della soluzione BIM per le infrastrutture.
Giovanni Perego

Giu 25 2018

Iscriviti alla Webcast Autodesk “Connected BIM for Building” il 5 luglio

Come sai, per chi si occupa di BIM l’aggiornamento è molto importante, perchè la tecnologia cresce a vista d’occhio ed offre sempre migliori strumenti per affrontare la transizione in corso.

E qual’è la fonte migliore di informazioni, se non chi il software lo sviluppa, ed ovviamente ha tutto l’interesse perchè venga usato sempre meglio?

Per questo ti invito a partecipare alla Webcast dal vivo del 5 luglio prossimo, intitolata

Connected BIM for Building

Tenuta dall’ottima Ilaria Lagazio, ingegnere e Senior Technical sales Specialist AEC di Autodesk, ti mostrerà in che modo la piattaforma Autodesk BIM 360 permette a tutti gli attori coinvolti nel processo BIM di condividere efficacemente i progetti di edifici dalla progettazione alla costruzione in totale sicurezza e trasparenza.
Una anticipazione degli argomenti trattati la potete leggere qui sul Blog Autodesk.

La partecipazione alla Webcast è gratuita, fai subito clic qui per iscriverti

Buona partecipazione!
Giovanni Perego

Giu 22 2018

BIM, architettura digitale e nuove tecnologie: evento a Roma il 3 luglio

Ti annuncio con piacere un bell’evento BIM organizzato dagli amici di Systema, il 3 luglio a Roma.

Partiamo da una provocazione: siamo sicuri che esista una definizione univoca di BIM e che il BIM serva sempre e comunque? E’ da tempo che si parla di obblighi, normative e certificazioni, ma siamo certi che gli sforzi per adattarsi a quella che sembra addirittura un’esigenza vitale di sopravvivenza nel mercato,  siano sempre profittevoli?

In mezza giornata di lavori ti verrà mostrato come sfruttare al massimo gli investimenti nel BIM per portare un reale vantaggio competitivo e trasportare gli operatori verso l’era del Construction 4.0, di cui il Building Information Modeling è solo uno degli elementi fondanti. Verranno evidenziati i colli di bottiglia dell’adozione e come superarli.

Nel dettaglio, ecco l’agenda dell’evento:

  • 14:00-14:30 – Registrazione e welcome coffee.
  • 14:30 – 15:00 – Il BIM: obbligo o opportunità? Come distinguere un “buon BIM” e le opportunità per la filiera – a cura di Systema Srl.
  • 15:00 – 15:30 – “Digitalizzazione del costruito e progettazione integrata. L’esperienza di ETS Ingegneria in ambito ferroviario.” – a cura di ETS Srl – Latina.
  • 15:30 – 17:15 –L’ Architettura Digitale alla base del Construction 4.0: l’impostazione del progetto, la gestione del dato e le nuove tecnologie a supporto del BIM – AR/VR e IoT. Un progetto completo con l’utilizzo di Autodesk Revit, Autodesk Infraworks e tutte le soluzioni correlate. – a cura del BIM Team Systema.
  • 17:15 – 17:45– Riflessioni aperte sul BIM: scambio di opinioni e sessione di domande e risposte.

Al termine dell’evento i partecipanti saranno ospiti per un aperitivo

Bene, l’evento si terrà martedì 3 luglio dalle 14.00 alle 18.00 a Roma presso l’hotel Villa EUR
in Piazzale Marcellino Champagnat, 2. La partecipazione è gratuita ma l’iscrizione è obbligatoria.

Cosa aspetti?
Iscriviti subito qui

Buona partecipazione!
Giovanni Perego

 

 

Giu 20 2018

Tutti i consigli per scaricare, installare e mantenere aggiornato il tuo Civil 3D

Con il passare degli anni, Autodesk ha reso davvero semplice l’installazione dei suoi software. 

Ad esempio, non è più necessario inserire il numero seriale ed il codice prodotto, che viene richiesto solo al primo avvio, per attivare la licenza singola, mentre per le licenze Multiuser (già note come licenze di rete) non è più necessario inserirlo.

Quindi in molti casi, basta dare alcune semplici conferme e premere qualche volta il bottone avanti, per ottenere un’installazione completa ed efficace del software.

Ma è importante sapere che Civil 3D richiede diverse attenzioni in più. Non per niente è a colonna portante del BIM per le infrastrutture: noblesse oblige! Civil 3D, infatti, si avvale di diversi moduli aggiuntivi, di Country Kit per adeguarsi agli usi e costumi nazionali, e viene spesso aggiornato con Update, Service Pack e quant’altro.

Ecco quindi tutti i miei consigli e poi la procedura passo passo per scaricare ed installare Civil 3D… Leggi il resto »

Giu 18 2018

BIM: le linee guida ANAC sono in consultazione

Un altro passo avanti importante nella adozione del BIM per gli appalti pubblici.

In seguito al cosiddetto Decreto BIM, il 560 del 2017, ed in attesa del completamento della norma UNI 11337, un nuovo documento importante sta per arricchire il quadro normativo fondamentale.

L’Autorità Nazionale Anticorruzione, ANAC per gli amici, che ha un ruolo molto importante nella definizione delle regole per gli appalti pubblici, ha messo in consultazione una integrazione alle linee guida sui servizi ingegneria e architettura già pubblicate in Gazzetta Ufficiale il 28 marzo 2018 ed in vigore dal 7 aprile.

Questa integrazione si occupa proprio di BIM, o per l’esattezza di:

Uso di metodi e strumenti elettronici specifici quali quelli di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture nelle procedure di affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria.

Qui puoi scaricare il documento ANAC messo in consultazione fino al 9 luglio. E’ possibile inviare osservazioni e proposte utilizzando un modulo apposito, scaricabile dalla stessa pagina.

Obiettivo di ANAC è quello di aggiungere indicazioni operative alle prescrizioni del Decreto BIM: indicazioni che vanno considerate interpretative e non vincolanti.

Buona consultazione!
Giovanni Perego

Post precedenti «